RentArt -
Rita Betrecchi





Back

Nata a Varese, Rita Bertrecchi frequenta un corso di arti applicate ed è allieva del Prof. Uberto Vedani e dell’Arch. Gianluigi Bisagni. Segue lezioni di moda alla Marangoni di Milano. Il suo naturale talento per il colore ed il disegno la portano negli anni ’70, a collaborare con importanti case di moda come figurista, variantista e disegnatrice per tessuti. È socio del Museo della Permanente di Milano e fa parte del Circolo degli Artisti di Varese. Documentazione presso: Kunsthistorisches Institut in Florenz (Archivio per l’Arte Italiana del Novecento), Firenze; Biblioteca Specialistica e Archivio Storico del MAGA, Museo Arte Gallarate.
Ha al suo attivo 45 mostre personali e oltre 150 partecipazioni ad esposizioni collettive e rassegne: Milano, Roma, Trento, Varese, Firenze, Torino, Palermo, Como, New York, Londra, Monaco, Cannes, Lisbona, Lugano, Morcote (Svizzera), Acqui Terme, Innsbruck, Praga, Lecce, Luino, Monreale (Palermo) e altre.
Premiata più volte, nel 1976 le viene conferito il premio "Marc’Aurelio" per la pittura a Roma e il trofeo "Venti Artisti segnalati per l’anno 1977" a Milano; nel 1988 la medaglia d’oro per meriti artistici "Regione Emilia Romagna" a Bologna e nello stesso anno a Roma, in Campidoglio, riceve la targa per la partecipazione alla mostra "Rendez Vouz D'Art et De Culture", Cannes. Nel 1989 è presente a New York all’11° edizione Artexpo Jacob K Javits Convention Center e a Londra all’International Meeting of Art and Culture ‘89".
Allestisce nel 1996 , al Centro Espositivo Europeo "Museo Ogliari", Ranco (VA), una personale, presentata dal Prof. Francesco Ogliari, "Il Tempo e le cose".
Nel 1999 riceve l'Europremio A.T.I.C.A (Arte Turismo Industria Commercio Agricoltura) promosso dallo Studio "Domani Arte" di Milano con il patrocinio del Parlamento Europeo - Comune di Pavia, Palazzo delle Esposizioni "Pavia ArtExpo '99".
Nel 2000 allestisce una personale alla galleria "La Fenice" e la mostra "Ritrovamenti dal tempo" nello Spazio Espositivo Clinica "Sant'Anna", entrambe a Lugano (Svizzera). Importante è l’amicizia con il gallerista svizzero Paolo Poma che nel 2002 presenta una prestigiosa mostra antologica "Omaggio a Rita Bertrecchi" alla galleria "Poma" di Morcote (Svizzera).
Nel 2001 Anna Visconti, direttrice del Museo Salvini di Cocquio Trevisago, Varese, la invita ad allestire una mostra personale, "Sconfinamenti".
E' presente nel 2008 in "Selezioni d'arte" collana a cura di Paolo Levi, Elede Editrice. Nel DVD allegato ed inserito nel catalogo d'asta della Meeting Art, e' illustrato il lavoro dell'artista attraverso 20 opere presentate da Paolo Levi.
Nello stesso anno, mostra personale "Apparitions – Dissolutions", Centro Comune di Ricerca, Commissione Europea, CCR Ispra (VA).
Partecipa nel 2010 al Museo d'Arte Moderna e Contemporanea Castello di Masnago alla mostra "Circolo degli Artisti di Varese: 90 Anni di Storia e attualità".
Ha esposto al Museo della Permanente di Milano nella rassegna "2010-Artisti della Permanente" e nel 2014 alla mostra "Energia Per La Vita".
Nel 2012 e 2013 Collettiva d'Arte Museo Scalvini - Villa Cusani Tittoni Traversi, Desio.

RentArt -
Pierluigi Boschetti





Back

Nato a Limbiate (Milano), vive e svolge la sua attività di scultore a Milano. Laureato in Fisica Teorica ... qualche anno fa (1969). Dopo un breve periodo di insegnamento e di ricerca all’Università, durante il quale ha pubblicato diversi articoli su giornali internazionali di Fisica, ha lavorato nell’informatica fino al 1994. Da piccolo aveva la passione della scultura; qualche anno dopo la laurea, in una giornata piovosa sul lago, per passare il tempo, ha ripreso l’antica passione e lasciata l’informatica si é dedicato nuovamente alla scultura e alla pittura, che ha poi praticato professionalmente. Da pensionato coltiva anche lo studio della musica suonando il flauto traverso e delle lingue antiche, greco ed ebraico biblico. Continua privatamente lo studio della matematica e della fisica.
Boschetti si misura con il marmo, la pietra, il legno: privile¬giando quell’attività di scultore che più di altre ri¬chiede fatica ed impegno.
Le sue opere vanno da un residuo di forma al suo quasi annullamento; dall’esaltazione di un volume geometrico all’idea pura che pare completamente distaccata da qualsiasi aggancio visivo per addentrarsi in una astrazione logica di ritmi spaziali contigua alla filosofia e alla musica.
I risultati sono da una parte filoso¬fici: cioè la¬sciano capire le linee di percorso di un pensiero limpido e forte (anche nella leg¬gerezza). Dall’altra, sono materica¬mente poetici: quando lo scul¬tore abbandona le forme troppo definite (o precise) e la felicità della mano graziosa per scavare con ar¬monia nella materia e tirarne fuori l’essenza misteriosa.
Ha partecipato a molte importanti mostre in varie parti d’Italia e d’Europa.

RentArt -
Fausta Dossi





Back

Nasce a Rivolta d’Adda(CR)
Vive e lavora a Trezzo sull’Adda,via Watt 2
Ha frequentato e perfezionato la sua preparazione artistica all’Accademia di Brera a Milano e ha seguito corsi di nudo e scultura a Bergamo.
Si affaccia al mondo artistico nel 1956.
La creatività dell’artista si manifesta con diversificate esperienze e ricerche quali la calcografia, la scultura lignea, bronzi, terrecotte e piccole sculture da indossare, fino a raggiungere un’espressione sempre più protesa all’essenziale.
La scultura e l’esperienza della riduzione della forma a gioielli, cioè a microsculture ha portato Fausta Dossi a forme sempre più rastremate, semplificate, essenziali.Sente molto le materie e il colore, ama la scultura e la pittura due mondi apparentemente diversi ma che nel suo modo di operare e nella sua percezione della materia come spazio plasmabile e articolabile si intersecano e coincidono in vari aspetti.
Numerose sono le rassegne nazionali e internazionali che l’hanno vista protagonista in Spagna, Francia, Austria, Germania, Belgio, Svizzera e U.S.A

Percorso espositivo : PERSONALI
Centro arte oggi Milano, Sculture Monza, Dipinti e sculture Monza Galleria Agrati, Dipinti e sculture Melzo Galleria La Miniera Gioielli e dipinti e sculture, Monza, Le pleiadi, Centro culturale Capricono Bergamo, ceramiche e terrecotte Galleria La Torre Rivolta d’Adda, Ceramiche e Terracotte Pro Loco Cassano d’Adda, Opere su Carta Los Angeles California Balance Gallery, Due passi nella Galassia Arti Visive Ronco Briantino Galleria Interarte Milano, Galleria Fontana Paderno d’Adda, Etruriarte Expo Venturina Piombino, Enigmi? Tecniche Miste Portnoy Milano,Sculture e Dipinti studio d’Arte l’Ariete Milano,Sculture e Dipinti Girona Spagna Castello di Calonge, Galleria Orizzonti Milano, Bidart Fiera d’arte contemporanea Bergamo, International Artfair,Gent Belgio,Arte fiera d’arte contemporanea Bologna, Miart- Arte Oggi in Europa Milano Percorsi postinformali pittura e scultura anni 90 Milano, Spazio Laser Artexpo- Fira de Barcelona Barcellona, Galleria Zammarchi via Brera Milano, International Artfair Gent Belgio,MIART- Arte oggo in Europa Milano,Spazio immagine Cremona,Giorni d’Arte Carrara Expo, Andromeda ergamo, Banca di credito cooperativo Treviglio Fiera Arte Contemporanea Padova,Manipolazione del Campo Spazio SantabarbaraMilano, Il gioco dell’arte Nugae Nuova resurrezione Gibellina Museo civico, Oltre, sala ex Ateneo Bergamo, Consonanze opere grafiche, Treviglio, Alfabeto Sommerso,Palazzo della Provincia Bergamo, Dal reale all’immaginario Castell’ Arquato Piacenza Villa Bianca Esposizione permanente Seveso Milano, Internazionale Messe fur Moderne kunst karlsnuhe,Germania, International Arttexpo, Montecarlo ,Geografie ed alfabeti dimenticati ex Ateneo, Bergamo, Concorso nazionale per la scelta di opere d’arte da ubicare nel nuovo palazzo di giustizia di asti- Vincitrice con alcune acqueforti, Metamorfosi libreria Bocca Milano,Malpensa Arte, Mostra Mercato, Artenim, Parc expo, Nimes Francia, Fondaziione Marco Mantovani, presentazione Prof. R. De Grada. Milano, Sempre scultura Galleria Ada Zunino, Ventipiucento, Museo della Permanente,Milano, Circolo della Stampa, International Fair for Contemporary, Innsbruk, Bucraino Arte Mapello Bergamo, Dal Reale all’immaginario a cura di Paolo Levi,Castell’Arquato Piacenza, Sediamoci e Pensiamo ex Atyeneo,Bergamo Alta, Scultori della Permanente di Milano Garbagnate Museo Bargellini,Pieve Di Cento, acquisizione di Confindustria di Ferrara del dipinto “ La Marcia verso la giustizia”Colleoni Proposte d’Arte Villa Suardi Trescorre Balneario Bergamo, Artisti della Permanente, Palazzo Gallio, Gravedona Como, Alchimie del Tempo MAGI900,Pieve di Cento( BO) “Florens Plus” Firenze, Lingotto Fiere Torino Fiera Arte contemporanea IMMAGINA Reggio Emilia, Spazio Tadini “La Fuga” Milano Padiglione Italia alla 54 esposizione d’arte della biennale di Venezia per i 150 anni dell’unità d’Italia a Torino , Mostra mercato d’Arte contemporanea “ DOLOMITI” Longarone, Fiera Arte contemporanea Cremona, S.Pellegrino Terme, Colleoni Proposte d’Arte anni 60-70 Bergamo ,Artisti del Museo della Permanente “ Energia per la Vita” Milano, Catalogo Sartori d’Arte Moderna e Contemporanea 2014

RentArt -
Roberta Musi





Back

Roberta Musi è un’artista di fama nazionale e vanta al suo attivo partecipazioni ad eventi di notevole rilevanza ed acquisizioni da parte di numerose Istituzioni locali e nazionali. La produzione artistica di Roberta Musi si è orientata fin da subito verso la pittura, prediligendo l’iconografia equestre come metafora di vita e dinamismo e personificazione simbolica di virilità e forza.
Nelle rappresentazioni equine l’artista parmense, ma milanese d’adozione, riesce a cogliere la scorrevolezza dei movimenti, la tensione plastica dei corpi e a rendere le forme materiali della muscolatura attraverso una raffigurazione vivace dei volumi colti nella loro immediatezza.
Lo studio attento e scrupoloso dei movimenti, scevro da ogni decorativismo e incentrato sulla resa sensuale dei corpi si espande ai soggetti umani in una vasta produzione che vede come filo conduttore la danza ed in particolare i ballerini di Tango. E’ importante la serie di opere sui Tanghi per la dinamicità delle pose , dei gesti, degli abbracci dei danzatori. Ne scaturiscono immagini di estrema sintesi formale, di potenza evocativa e di straordinario impatto cromatico.
Le opere d'arte della pittrice Roberta Musi sono spesso esposte presso le principali mostre, una delle quali, “Tau percorsi di artigianato e fede” che l’ha vista realizzare un bozzetto su tela da cui ha ideato, dipinto e decorato una croce lignea collocata in seguito nella chiesetta di San Sebastiano e San Fabiano sul lago di Lesa (NO).
Le sue opere sono state esposte in molte importanti mostre in Italia e all’estero.

RentArt -
Ada Nori





Back

Ada Nori nasce e vive a Milano. Si avvicina al mondo dell’arte visiva nel 2010 e inizia un percorso pittorico sotto la guida del maestro Sergio Vatta.
Partecipa all’evento internazionale di arte contemporanea “Ruotando 2014”, dal 21 al 28 maggio 2014, presso lo Spazio Lambrate di Milano.
Nel giugno 2014 si diploma in pittura presso la Scuola Superiore d’Arte applicata del Castello Sforzesco di Milano.
Dal 6 al 14 giugno 2014 partecipa alla manifestazione artistica internazionale “aRomArt 2014”, presso la Galleria Baccina di Roma.
Dal 21 giugno al 6 luglio 2014 partecipa alla mostra d’arte contemporanea “gravitArt”, presso il Centro Culturale Tecla di Napoli.
Dal 5 al 13 Luglio 2014 partecipa all’esposizione d’arte contemporanea "incontrARTl" presso l’Auditorium al Duomo di Firenze
Con l’opera “Exstasis” risulta finalista al concorso d’arti visive “Sopravvivere” ed espone alla Kay Gallery di Milano dal 1 al 15 luglio 2014 classificandosi al terzo posto per votazione del pubblico.
A ottobre partecipa alla settimana d’arte contemporanea “Brerart” nel circuito “Artshake - I Cibartisti” ed espone un’opera a tema presso la Dream Factory di Milano.
Con l’opera “Figlie di Lilith” è selezionata per il Premio Internazionale Iside 2014 sul tema del femminicidio e partecipa alla collettiva dei finalisti a Benevento dal 16 al 23 novembre.
Sempre a novembre partecipa, dal 15 al 29, a “Passion Art Barcelona” organizzata da Artists in the World a Barcellona in Spagna e al secondo step espositivo del Premio Adrenalina 2014 “ Il mio Paradiso” presso il Museo civico Mastroianni di Marino, Roma.

RentArt -
Giacinto Bosco





Back


Giacinto Bosco nasce nel 1956 ad Alcamo (TP); la necessità della quotidianità lo avvicina subito alle botteghe del luogo, dove ha modo di crescere nell’ingegno e intuito di abili artigiani.
A 15 anni si trasferisce a Milano; la “vocazione” lo porta all’approccio con la Fonderia d’arte, che diviene luogo di incontro con scultori ed artisti. Frequenta il Liceo Artistico Bramante dove incontra il Professor Teruggi che lo sostiene nell’impegno a intraprendere un percorso artistico.
Nel 1990 si iscrive alla Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente; in questo periodo le prime committenze pubbliche, dapprima la scultura “La Luce” a Rescaldina (1997), successivamente la statua di Giovanni Paolo II ad Arese (2006) e “un Mondo di Pace (2008) opera monumentale a Garbagnate Milanese; più tardi, il monumento dedicato ai Carabinieri Caduti a Nassirya (2009) a Borgosesia; la statua di Papa Benedetto XVI a Santa Maria di Leuca.
In seguito sviluppa le sue narrazioni con gli “aforismi alla Luna” i quali lo portano in una dimensione poetica che, come in un sogno, la sua immaginazione trasforma e plasma.
Il cammino prosegue con sempre più consapevolezza, fino ad approdare con mostre personali a Positano ed Alcamo, e all’estero a Mosca e New York.

RentArt -
Matteo Lausetti





Back

Nato a Savona ha vissuto a Bolzano i suoi primi anni.
Dopo la maturità scientifica conseguita a Milano, ha frequentato l’Istituto Europeo di Design (IED) a Milano, ha lavorato come illustratore naturalistico e come editorialista per le riviste “BW – Rivista Italiana di Birdwatching” e “Quaderni di Birdwatching”, ha portato avanti negli anni la sua preparazione artistica seguendo la sua passione per la pittura e la scultura, sono così nati i suoi quadri, le sculture, i gioielli. Dopo aver vissuto molti anni a Gessate (MI), dove è spesso presente, oggi vive e lavora nella Maremma Toscana.
E’ socio della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente (Museo Permanente Milano), dove ha esposto nel 2014 alla mostra "Energia Per La Vita" ed ha partecipato all’iniziativa “Arte per cena”.
Ha esposto in Collettiva d'Arte Museo Scalvini - Villa Cusani Tittoni Traversi, Desio. Ha partecipato alla Biennale di Firenze 2009 e a molte altre mostre personali e collettive in Italia a Milano, Roma, Firenze, Ferrara e all’estero in particolare a Londra, Berlino e Stoccarda. Vincitore di diversi premi della critica in concorsi nazionali e internazionali. Le sue opere sono presenti in importanti pubblicazioni d’arte. La sua attività espositiva è intensa come pure la sua presenza in collezioni pubbliche e private italiane e straniere.

Pubblicazioni
Citato in “La via Italiana all’informale” ed Giorgio Mondadori a cura di Virgilio Patarini anno 2013
Pagina dedicata cataloghi RUOTANDO2013 e RUOTANDO2014
Pagina dedicata nel Catalogo Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea città di Firenze settima edizione.
Pagina dedicata in “Grandi Maestri” edizione 2009 edito da: Centro Diffusione Arte – Palermo.
Menzione su rivista di informazione artistica e culturale “BOE” . novembre-dicembre 2009.
Pagina dedicata in Catalogo mostra “A Better World” – Infantellina Contemporary – Berlino.
Pagina dedicata in Catalogo Terzo Salone Internazionale Gioiello d’Arte Cassano d’Adda (MI).

RentArt -
Pino Lia





Back


Nato a Mesoraca (KR) nel 1955, vive e opera a Milano.
Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.
La sua ricerca si focalizza sul rapporto dell’uomo e l’ambiente che lo circonda e sulle relazioni tra l’individuo e la collettività. I lavori sono spesso delle riflessioni sul tempo e sul luogo: il suo costante interesse per la natura è il filo rosso di congiunzione.
Selezione mostre personali:
2013 Cono di confine2, City Art, Milano I.
2012 Centro Visita Castagno D’Andrea (FI) mostra e performance “Frammenti Naturali” I.
2009 Il Riso di Jackson, mostra e performance con Birthmark, Studio Dieci citygallery, Vercelli I.
2008 Art in Ice, Livigno (SO) I.
2007 Voci tra cielo e terra, Galleria Bazart, Milano I.
2000 Meccano, Officina- Arte Magliaso (CH)I.

Selezione mostre collettive:
2014 La Tavola delle Meraviglie, Assab One, e Quintocortile, Milano I.
2013 Rito, costume, paradosso, Spazio Oberdan, Milano I. Il Giudizio e la mente, Fondazione Mudima, Milano I. VII Biennale di Soncino a Marco, Soncino (CR)I. Natura permanente e la cura, Palazzo Pirola, Gorgonzola (MI)I. Luci e ombre, Tornare@Itaca, Grimaldi (CS)I. Artista di libro, Galleria Dieci.Due! Milano I.
2012 Il Teatro e il suo sogno, Chiesa San Francesco, Pozzuolo Martesana (MI)I. Ruote! Sblu Spazio al bello, Milano I. Auguri Italia, Galleria Scoglio di Quarto, Milano I.
2011 Padiglione Tibet, c/o Palazzo Ca Zanardi, VeneziaI.

RentArt -
Marco Pedroni





Back


Studi:
Diploma al Liceo Artistico di Brera
Diploma in Belle Arti presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano
Scuola di Pittura del Maestro Mauro Reggiani

Specializzazioni: scultura e pittura, ready made

Esperienze:
Negli anni settanta inizia la sua attività professionale ed artistica occupandosi di Insegnamento di Disegno e Storia dell’Arte nei Licei, Grafica e Comunicazione Visiva, Disegno Industriale e acquisisce una significativa esperienza nel Packaging Design in una attività imprenditoriale.
Negli anni novanta si dedica esclusivamente all’attività artistica. Fa parte del gruppo artisti della Permanente di Milano.
La più recente produzione artistica lo vede impegnato nella costruzione di oggetti utilizzando materiali in disuso o destinati al largo consumo.
RUBINETTI DI LUCE – Società Umanitaria, Milano – Ottobre 2003
ECCE OVO – Arte da Mangiare -Società Umanitaria, Milano – Marzo 2006
MOSTRE COLLETTIVE ARTE DA MANGIARE – Edizioni 2006-2007
RAMI DI SETA -Mostra collettiva -Spazio Anfossi, Milano – Settembre -Ottobre 2007
COSE D’ARTISTA -Spazio Anfossi, Milano – giugno 2007
Collettiva ispirata al materiale DAS ideato da Dario Sala, in un percorso attraverso le opere di diversi artisti
QUADRI – Antico Caffè Magenta, Milano – Ottobre 2007
APOLLO E DIONISO – Ristorante “I Chiostri” – Società Umanitaria, Milano – Gennaio 2008
COLLETTIVA ARTISTI DELLA PERMANENTE – Villa Tittoni Traversi, Desio-Maggio 2008 opere di 170 artisti dello storico consorzio artistico milanese che con questa mostra hanno voluto rendere omaggio al loro socio Giuseppe Scalvini, scultore
COLLETTIVA ARTISTI DELLA PERMANENTE – Gravedona, Milano – Giugno 2008
COLLETTIVA “DIPINGERE L’IMMENSO” – Archivi del ‘900, Milano – Ottobre 2008
SMALL ART – Mostra collettiva – Studio Iroko, Milano – Marzo 2009 Tortona creativity presenta Small Art: un “concept event” in cui sono proposte opere, realizzate da 20 artisti, di piccolo formato ma di forte impatto, sia in termini di creatività e inventiva, che di tematiche affrontate. Il concetto è quello di offrire opere di ridotte dimensioni a un prezzo accessibile, di sicuro effetto in qualsiasi ambiente e con un valore intrinseco destinato a crescere nel tempo. Marco Pedroni presenta otto opere “Apollo e Dioniso” Tecnica mista -Acrilico e inchiostro offset -cm. 50x50
COLLETTIVA PITTORI DELLA PERMANENTE – Garbagnate, Milano – Maggio 2009
DI SEGNO IN SEGNO – Illustrazione per l’Agenda 2010 – Edizioni Sartori, Mantova – Settembre 2009
CIBAMI AD ARTE -Palazzo dei Giureconsulti, Milano -Dicembre 2009 Mostra Mercato e Esposizione di Opere d’Arte messe a disposizione dall’Associazione culturale “Arte da Mangiare” al fine di sostenere il progetto Telethon
MOSTRA MILANODANZAEXPO - stand con quadri di tecnica mista , juta e pittura, novembre 2011
CONCORSO AXA – La forza del Segno –Gorgonzola ottobre 2011 – vincitore 3° premio – pittura tecnica mista, l’opera inviata è stata selezionata, ritenuta meritevole e di particolare attenzione fra 250 opere pervenute, sia per l’interpretazione del tema, per la capacità espressiva e per la tecnica.
BIENNALE DI ARTE SPORTIVA - una manifestazione al Museo della Bicicletta Madonna del Ghisallo dI Magreglio - agosto 2012 MOSTRA PREMIO AXA - vincitore del concorso Arte per Ambiente - Palazzo TRIVULZIO di Melzo – 15-23 dicembre 2012
CONCORSO L’ASSOCIAZIONE CULTURALE “ARTE DA MANGIARE, MANGIARE ARTE” E PLANET LIFE ECONOMY FOUNDATION - gennaio 2013 - partecipante
Speciale iniziativa artistica legata al tema dell'Esposizione Universale 2015 “Nutrire il pianeta, Energia per la Vita” EXPO Milano 2015

RentArt -
Maria Luisa Ritorno





Back

Nasce a Milano, dove risiede e lavora. Dopo la maturità presso il Liceo Artistico di Brera, si dedica all’insegnamento; avrà modo di partecipare, alla fine degli anni Cinquanta, ad un importante progetto di sperimentazione, promosso dall’Umanitaria di Milano, molto innovativo per la scuola a livello nazionale.
Negli anni sessanta segue il corso di scenografia all’Accademia di Brera con Tito Varisco, discute la tesi col docente e critico d’arte Guido Ballo.
Alla ricerca di un proprio linguaggio espressivo, oltre a dipingere si cimenta con altre tecniche. Affascinata dalle arti primitive africane, realizza maschere; il suo interesse però si focalizza sempre più sulla scultura. La terra refrattaria è il mezzo che preferisce per modellare. Dopo una breve esperienza figurativa, sente l’esigenza di andare verso una concezione più astratta della forma, alla ricerca di un nuovo dialogo interiore, per mezzo del quale si possa infine trovare un punto di contatto “emozionale“ con l’osservatore. Le sue opere si caratterizzano spesso attraverso linee che denotano una tensione verso l’alto.
Durante gli anni di gestazione della legge Basaglia, all’Ospedale Psichiatrico Luigi Antonini di Limbiate, partecipa con opere grafiche all’allestimento di spettacoli sperimentali, su testi degli stessi ricoverati.
Oltre alle mostre personali, numerose sono le collettive a cui partecipa su tutto il territorio nazionale. Molti e qualificati i giudizi della critica.
Tra le ultime mostre 2014 , si citano: Energia per la vita, Palazzo della Permanente, Milano; Punti di vista, Biblioteca dell’Incoronata, Milano; Testimoninze, Basilica di san Carlo, Milano.
Fa parte dei soci artisti della Permanente.

ALCUNE RECENSIONI
Nei lavori plastici di Maria Luisa Ritorno si trovano profili animati da una profonda ricerca spirituale, che nella loro ineffabile leggerezza si sviluppano verso l’alto con un movimento progressivo e misurato, privo di scatti improvvisi, come se la materia respirasse leggera espandendosi in evoluzioni progressive, che si muovono sulla scia di sottili curve e spirali. L’armonia delle linee genera moti lineari che si intersecano e si sostengono senza vincolarsi, liberi di costruire le proprie architetture in un reciproco dialogo sostenuto da un ritmo melodico.
La scultrice modella la refrattaria con maestria, creando strati sottili che sembrano uscire vincenti da una silenziosa lotta contro le leggi della gravità. I cromatismi usati sono anch’essi ariosi, passando dalla morbidezza del bianco alla delicatezza del rosa, o ancora alla quieta serenità espressa dal giallo pallido e dall’azzurro polvere. La luce esterna accarezza le forme mettendone in risalto le superfici, enfatizzando il delicato avvicendarsi di pieni e di vuoti, dove tuttavia appare una prevalenza delle incavature, che nella loro ombrosità sembrano offrire accoglienza a una riflessione pensosa.
(Paolo Levi, in “Terza Dimensione”, Editoriale Giorgio Mondadori, Milano, 2011)

La scultura di Maria Luisa Ritorno si gioca tutta sull’incontro e sullo scontro tra due forze apparentemente contrapposte: incontro e scontro tra la verticalità maschile e la sinuosità femminile. La tensione verso l’alto, verso il cielo, che è anche tensione mistica, tensione verso la trascendenza, entra in collisione con l’atto di piegarsi, di flettersi verso la terra in una curva che è un abbraccio dei sensi, nella ricerca di un rapporto fisico, sensuale con la realtà terrena …
Sono due misteri che si confrontano: il Maschile e il Femminile. L’Anima e il Corpo. La Ragione e le Emozioni. E da tale confronto scaturisce la scultura della Ritorno: una danza immobile fatta di elissi, di curve parallele, convergenti, divergenti, una serie coinvolgente di movimenti elicoidali, a spirale, scale armoniche ascendenti, discendenti, sfere, fratture verticali improvvise, istanti di sospensione, in estatico equilibrio, e cadute fulminee, repentine nel vortice dei sensi. Con un ritmo, un respiro moderno e un afflato antico di classicissima ricerca di armonia.
(Virgilio Patarini, in “Terza Dimensione”,Editoriale Giorgio Mondadori, Milano,2011)

RentArt -
Anjee Teresa Bertagna





Back

Teresa Bertagna, in arte Anjee nasce a Sondrio nel 1965.
Frequenta l’accademia di Belle Arti di Brera, corso di pittura, con il docente Luciano Fabro.
Subito dopo si trasferisce in Germania, dove inizia a lavorare per varie gallerie come artista della galleria e copista di opere d’arte.
Lavora nell’arte terapia in vari centri di riabilitazione.
Dal suo percorso artistico e spirituale nascono i suoi ritratti spirituali, ritratti dell’invisibile, dove lei coglie l’anima della persone.
Rientrata in Italia continua la sua attività di artista e insegnante d’arte.
Espone in diverse gallerie e mostre, tra cui il fuori salone della Biennale di Venezia.

RentArt -
Grazia Degani





Back

Nata a Milano diplomata alla Marangoni, diplomata alla Marangoni, e all’Accademia diretta da Franco Mosca, il primo a portare in Italia la pubblicità all’americana.
Hanno detto di Lei
Prescindendo dalle particolari facoltà bioterapcutiche che contraddistinguono la complcssità esistenziale di Grazia Degani e incentrando l’attenzione sui soli fattori che emergono dalla sua pratica del disegno e della pittura, bi¬sogna convenire che la pittrice possiede una sua rara forza penetrativa nel cogliere la fisionomia e il carattere di un soggetto. Persino quando quest’ultimo è una maschera o la metamorfica apparizione di un volto da una foglia, gli interrogativi posti da un volto lasciano perplessi, sconcer¬tati, quasi che essi provengano da un'altra sfera e ci assillino precludendoci tuttavia una qualsiasi risposta. Non è quindi agevole superare questa situazione che è peraltro quella in cui la pittrice trova i suoi più convincenti stimoli creativi.
Estratto dal DIZIONARIO CRITICO ARTITALIA Primo quaderno curalo da MARIO MONTEVERDI Patrocinato da ANVA- ArchivIo nazionale valori artistici

LUMINOSE VIBRAZIONI NEL CANDORE DEL SENSO Se si osservano attentamente i suo i dipinti si può constatare come la Degani opti per un orientamento figurale. Le sue opere nascono c si determinano nella luce, nella capacità di variare le sfumature, arricchire di suggestione colorista l'immagine. Tanto è vero, che in un certo senso la forma, intesa come realtà plastica, tende a perdere i propri definitivi contorni e ad integrarsi nell'atmosfera. Figura e sfondo. appaiono, allora, "sostare". quasi su un unico piano. Realtà, quest'ultima, diafana, luminosa e turbinosa al tempo stesso. Un accenno particolare, merita, in questo caso il gioco delle ombre. Giacchè di vero e proprio gioco si tratta, in quanto le sue ombre riflettono il colore, creano vibrazione ritmica che mette in movimento la struttura plastica che spesso assume i tratti non di una rappresentazione, ma di una visione. Una ricerca, quella della Degani, che non si sterilizza in un mero virtuosismo, ma che sa infondere all'arte il sigillo di un intenso approfondimento psicologico dell'immagine. Realtà, pertanto, non più solamente estetica, ma proiezione del sentimento, del desiderio di veder rispecchiato e compreso nel linguaggio visivo il proprio "lo" interiore ... "
Teodosio Martucci

RentArt -
Isa Di Battista Gorini





Back

Isa Di Battista Gorini nasce a Milano. Si diploma presso l’accademia di Brera in Pittura e Decorazione.
Tra gli anni cinquanta e sessanta opera nel campo della grafica pubblicitaria e delle arti applicate, tracciando un percorso che la porterà ad affermarsi come artista professionista. Un percorso in cui si possono individuare vari periodi, da una matrice futurista fino all’arte informale.
Negli anni ottanta, frequentando una scuola di incisione, la scoperta di un nuovo materiale: la garza, fondamentale per la sua opera e tutt’ora in uso.
Nel 1990 iniza la produzione dei libri d’artista ad effetto polimaterico, per arrivare fino ad oggi in cui l’artista esprime in ogni suo gesto la più totale libertà espressiva. Ancora oggi vive e lavora a Milano.

RentArt -
Annalisa Gheller





Back


NATA NEL 1947 A VENEZIA PRENDE LEZIONI PRESSO LA SCUOLA INTERNAZIONALE DI GRAFICA DI VENEZIA.
1998 RAPPRESENTAZIONE DI PAESAGGI NATURALI CON LA TECNICA DELL'ACQUERELLO
1999 FREQUENTA LA SCUOLA DEI MAESTRI MATILDE DOLCETTI CAMBIA COMPLETAMENTE TECNICA .
COLLEZIONI PRIVATE 1998 ACQUERELLI RAPPRESENTAZIONE PAESAGGI
1999 TECNICA A CARTONE XILOGRAFATE
2000-2004 OPERE IN CARTA DI GELSO CON PREMI DA PARTE DI ENTI E ISTITUZIONI E CON TALE TECNICA REALIZZA OPERE DI ARREDAMENTO PER PRIVATI DI VENEZIA.
PUBBLICAZIONI : ANNO 2012-2013 CATALOGO DELL'ARTE MODERNA EDITORIALE GIORGIO MONDADORI
ANNO 2013 SEGNALATA CON LE SUE OPERE NELLA RIVISTA ARTE MONDADORI
ESPOSIZIONI : 2012 ARTE FIERA DI FORLì
2012-2013 ECO EXPO PISA VIENE INVITATA AD ESPORRE PER L'AZIENDA STAR BUSINESS DI PISA
2014 VIENE INVITATA DALL'ENTE FIERISTICO DI BOLOGNA AD ESPORRE CON IL PROGETTO FASHION PAINT CURATA DALLA MARTINELLI-ART
2014 ESPONE PER LA DITTA LUXY DI ROMA DALLA QUALE VIENE SPONSORIZZATA PER LA REALIZZAZIONE DI RECUPERO DI OGGETTI DI DESIGNER (SEDIE) CON RIVESTIMENTI ICUI DECORI SONO LA RAPPRESENTAZIONE DELLE SUE OPERE ADOTTANDO LA TECNICA DEL RICAMO.
2013 ESPOSIZIONE PRESSO LA GALLERIA LA SALETTA DEGLI ANGELI DI LUCCA PATROCINATA DAL COMUNE DI LUCCA CON MESSA IN ONDA TELEVISIVA REGIONALE DI LUCCA E PUBBLICAZIONE NEI GIORNALI IL TIRRENO, LA NAZIONE. L'ESPOSIZIONE E' STATA CURATA DALLA MARTINELLI-ART.
2014 ESPOSIZIONE PRESSO IL MUSEO NAZIONALE ETRUSCO DI MARZABOTTO CON INTERVISTA TELEVISIVA DA PARTE DELL' AZIENDA MARTINELLI-ART PROGETTO ARTISTI NEI TERRITORI E PUBBLICAZIONE DEL GIORNALE PATROCINATO DALL'UNESCO DI BOLOGNA E REGIONE EMILIA ROMAGNA.
2014 PARTECIPA AL PROGETTO ARTE DA INDOSSARE PRESSO L'ENTE FIERISTICO DI FORLì CURATO DALLA MARTINELLI-ART CON VIDEO RIPRESA E INTERVISTA DELL'ARTISTA E MESSA IN ONDA NEL REGIONALE CAFE 24 .

TECNICA: trova un metodo di incisione completamente innovativo dettata da una tecnica priva di lastra di zinco,inchiostro grasso dove le matrici sono realizzate direttamente sul cartone ottenendo una stampa che a primo impatto sembra un acqua forte o la tecnica a punta secca rendendo le stampe uniche e irripetibili.
Partendo da un concetto della natura come paesaggi l'artista sposta lo sguardo nei particolari della natura come foglie,cortecce di alberi determinando un gioco di linee e colori fino ad arrivare all'astratto puro ma equilibrato,elegante determinato dalla sua sensibilità personale verso il mondo della natura.

RentArt -
Franco Tarantino





Back


Da anni si muove nel Panorama Artistico Nazionale organizzando Mostre ed Eventi importanti.
Ha Ideato e curato in qualità di Presidente UCAI:
La “Via VERITATIS” – Biblioteca Umanistica dell’Incoronata di MILANO – 27 Artisti contemporanei.
La “Via PACIS “- Palazzo Cusani di MILANO. “46 pittori testimoniano” -
Progetto e Coordinamento;
Curatore della Mostra Collettiva per ogni Forza Armata “ Festa dell’Unità Nazionale” – LOGGIA DEI MERCANTI - Piazzetta Reale MILANO
SAN REMO – Villa ORMOND - Espressioni Artistiche Liberi Confronti .
La " Via LUCIS" Chiesa Dell'Angelo - LODI.
Ideatore e curatore della Mostra “CROCIFISSIONI” – dal titolo “L’Immagine dell’Umanità Sofferente”-
Cenacolo di BAGUTTA - MILANO;
Ha realizzato il Manifesto per l’evento a Cesenatico “1 Day-2Win” – a beneficio dei Bambini colpiti dalla sindrome dei Bambini “Farfalla”.;
Collettiva di Artisti Contemporanei al Circolo della Stampa di Milano con Asta a favore dei Bambini Farfalla;
Ha realizzato il Manifesto per i 200 anni di CHOPIN – Circolo della Stampa di MILANO;
Ha realizzato una grande opera dal titolo (insieme alla sua collaboratrice Roberta Musi) “ LE ALI NEL TEMPO” nel Palazzo dell’Aeronautica di Milano;
Ha realizzato il Calendario 2011 –“Progetto di Senso” VENEZIA – Ente Bilaterale Turismo dell’Area Veneziana;
MILANO - OTTAGONO della Galleria VITTORIO EMANUELE – esposizione opere in collaborazione con L’aeronautica Italiana.
BORMIO - Ciclisti - in collaborazione con il GIRO D’ITALIA-
Realizzazione di francobollo per il 25°Anniversario dei Caduti di Kindu – Istituto Poligrafico e della Zecca dello Stato;
Mosaico realizzato nel Cimitero Monumentale di Milano;
Ha illustrato la copertina de “Il Classico dei tre Caratteri” di Wang Ying Lin;
Ha realizzato un Murales per le Meridiane di Monclassico;
“Red Emotion”- Mondo FERRARI – Spazio Polifunzionale e di Design “EXED LUXURY EVENTS”- ROMA;
“ARTE E MODA NEL MONDO – Camera dei Deputati – ROMA; ROVESCALA- “Arte Quantistica” nella Biblioteca Comunale;
VIII^ BIENNALE INTERNAZIONALE D’ ARTE MODERNA di ROMA -2010 –“Una Vita per l’Arte”;
BIENNALE DI ARTE SACRA – CITTA’ di LECCE;
54^ BIENNALE INTERNAZIONALE D’ARTE DI VENEZIA – PAD. ITALIA; Palazzo delle Esposizioni di TORINO.
Ideazione e curatela della Mostra collettiva di 10 Artisti selezionati alla Biennale di Venezia "Enelenergia" - MILANO

RentArt -
Celeste Bruni





Back

Nata ad Alessandria, vive e lavora a Milano esercitando la professione di guida turistica presso i Musei e Monumenti di Milano e Provincia.
Inizia gli studi presso l’Accademia Albertina di Torino (maturità artistica 1961), frequenta per 3 anni corsi di pittura presso l’Accademia di Brera a Milano.
Si diploma nel 1995 alla Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco di Milano in decorazione pittorica.
Incide e stampa le proprie opere grafiche presso la stamperia “ Il Foglio” di Milano.

RentArt -
Franca Cantini





Back

Franca Cantini nasce in Brianza. Negli anni sessanta si trasferisce a Milano ove, completati gli studi, si dedica all’insegnamento. All’arte si accosta seguendo una personale ricerca creativa, si avvicina alla “Bottega degli Artisti” che raccoglie allievi attorno al maestro Vincenzo Gatto. Negli anni 70 frequenta il corso di disegno alla’Accademia di Brera a Milano.
L'attenzione alle sollecitazioni delle correnti artistiche contemporanee è sempre sedimentata da una originale riflessione estetica. Un dipinto, un disegno, una fotografia, sono semplici sfaccettature di un unico operare. L'arte come desiderio di comunicare sentimenti e affetti; per condividere emozioni. La luce, i colori, le forme un tramite che unisce in un'atmosfera di complicità.

Cenni critici
Nell'apparente semplicità del tratto un invito alla riflessione, alla ricerca dell'intima armonia. Un'espressione creativa che vuole essere poetico soffio, ove l'immagine che nasce in una dimensione naturale si rigenera in una lirica fantasia.
Pittura ad olio dalla tavolozza leggera e brillante racchiude in se il fascino di un mondo quasi irreale....
La pittura di Franca Cantini è tonale, delicata e di buon gusto. L'artista sa cogliere la natura con molta sensibilità, che si rivela anche ricca di lirico silenzio.
Nella sua tavolozza prevalgono gli azzurri, i bruni trasparenti e i verdi sapientemente armonizzati per rappresentare paesaggi con effetti suggestivi. Manifesta in questo modo le proprie emozioni per questa generosa terra di cui ne è interprete profonda e romantica. La luce che piove dal cielo dà forza alla realizzazione pittorica e ne accentua la spiritualità.
Lidia Silanos

Nelle opere di Franca Cantini è sicuramente percepibile un continuo ed inarrestabile fluire dei moti naturali, vissuti dall’artista con sentimento quasi empatico; si tratta di lavori in cui la suggestione che ne scaturisce rende l’esperienza fruibile addirittura spirituale più che ottica. Sono lavori, questi, che rendono l’arte di Franca Cantini pittura luministicamente emozionale più che paesaggistica, resa ulteriormente intima dalla scelta cromatica e dalle pennellate essenziali.
Carla Ferraris

RentArt -
Franca Carra





Back

Franca Carra nasce nel 1952 a Somma Lombardo e trascorre la sua infanzia e giovinezza a Sesto Calende. Frequenta il Liceo Artistico di Busto Arsizio e si diploma nel 1970.
Nel 1975 si laurea in Architettura presso il Politecnico di Milano.Per un periodo di circa dieci anni affianca all'attività pittorica la professione di architetto.
In seguito insegna Disegno e Storia dell'Arte presso il Liceo Scientifico Mericianum di Sesto Calende fino al 2007.
E' associata al Circolo degli Artisti di Varese. Vive e lavora a Busto Arsizio.

Mostre personali:
1970 Galleria Cesare da Sesto, Sesto Calende
1974 Galleria Artebella, Busto Arsizio.
1975 Galleria Cesare da Sesto, Sesto Calende. Centro Diffusione Arte, Mazara del Vallo.
1977 Galleria Palmieri, Busto Arsizio.
1980 Galleria Il Calligramma, Busto A.
1983 Galleria Palmieri, Busto Arsizio.
1984 Palazzo Esposizioni, Busto Arsizio Galleria “3” Varese.
1985 Sala Borroni, Busto Arsizio. Villa Montevecchio, Samarate.
1986 Biblioteca Comunale, Gallarate
1987 Biblioteca Comunale,Castelletto Ticino. Incontro con l'Autore, Busto Arsizio.
1988 Centro Culturale Lusca,Milano.
1989 Hotel l”Al Sole” di Ranco.
1990 Galleria Punto Sette,Busto Arsizio
1995 Punto Sette,Busto Arsizio
1998 Villa Pomini, Castellanza Inaugurazione Via Crucis nella nuova chiesa S.Carlo, Busto Arsizio
2001 Villa Cicogna Mozzoni, Bisuschio
2002 Sala “Fratello Sole”, Busto Arsizio
2003 Associazione Culturale Renzo Cortina, Milano.
2004 Villa Pomini, Castellanza. Galleria Spazio Zero, Gallarate
2005 Galleria Boragno, Busto Arsizio
2006 “Madonne del terzo millennio” Chiesa Sant' Antonio, Busto Arsizio.
2008 Galleria “Cascina dell'Arte”, Busto A. A.
2009 Teatrino di Villa Gonzaga, Olgiate Olona..
2011 Studio Liberty, Angera
e numerose mostre collettive in Italia e all'estero.

Articoli:
Il Corriere della Sera, La Stampa, Il Giorno, La Prealpina, Il Giornale, L'Unità, La Repubblica, Il Segno, Avvenire,Varese Focus,Topolino, Arte e Cultura, Popolo e Libertà, La Notte, Busto Oggi, Il Nuovo Ideale, L'Eco del Verbano, Luce,Arte, Vivimilano, Noi a Milano, Busto Domani, L'Informazione, Il Corriere di Novara, Varese Mese, Lombardia Oggi.

Recensioni critiche di:
Giancarlo Angeleri, Franco Azimonti, Fabrizia Buzio Negri, Ettore Ceriani, Stefano Cortina, Stefano Crespi, Mario De Micheli, Anna Finocchi, Giuseppe Magini, Gianluigi Marcora, Nino Miglierina, Andrea Nania, Dimitri Plescan, Giovanni Quaglino, Elena Raffo, Giorgio Romussi, Benedetta Sarrica, Giorgio Seveso.

RentArt -
Aldo Castoldi





Back

Disponibile a breve...

RentArt -
Ezio Foglia





Back


Ezio Foglia, nasce a Busto Arsizio (Va) nel febbraio del 1943.
E’ stato allievo delle scuole di pittura dell'artista bustese Waifron Torresan e dei maestri Azzani di Varese e Di Martino di Busto Arsizio.
Ha frequentato per cinque anni, presso l’Accademia di Brera Milano, la Scuola Libera di Nudo.
Ha partecipato a diverse mostre collettive organizzate dall’Associazione Centro Artecultura (C.A.B.) di Busto a cui è iscritto da diversi anni, è costantemente presente nelle manifestazioni promosse dal Centro “La Riseria” di Novara ed è stato protagonista in vari progetti espositivi organizzati ad Acqui Terme (Al), Mantova, Bologna, Gallarate (Va), Lecce e Praga.

“Nella pittura di Ezio Foglia, il processo continuo di ricerca, che nel tempo ha portato alla definizione di un proprio stile, è evidente. Ha percorso durante questo viaggio creativo tutte le tappe necessarie al perfezionamento della tecnica sia per quanto riguarda il disegno, che per il colore. Tra i primi stimoli creativi, scopre il piacere (tra i più primitivi) del semplice disegno a grafite nera. Il graffito, segno distintivo in molti suoi dipinti, è ripetuto con incessante lavoro in quadri composti da tessere simili alle particelle di un mosaico.
Alcuni suoi lavori, di grande interesse, sono costituiti da grovigli fittissimi, trame intrecciate di grafite, il cui tema rappresentativo principale é la figura, il corpo umano, il nudo femminile. Nell'evoluzione finale del proprio stile pittorico, arriva all'astrazione pura, la pittura è materia visibile in cui ingloba evidenti segni di richiamo al soggetto dell'opera (per esempio la coltivazione del riso in raffigurazioni astratte ispirate alle nebbie e ai paesaggi della pianura agricola padana). Nelle opere pittoriche dell'ultimo periodo è forte il richiamo al messaggio religioso e cristiano. Si tratta di raffigurazioni stilizzate e coperte dalla materia pittorica, stesa con stratificazioni che ne accentuano il forte impatto emotivo e drammatico... estremamente rappresentative della sensibilità spirituale dell'autore”.
Cristina Cagnola

Ezio Foglia, vive e lavora a Busto Arsizio dove, nel 2006, ha fondato l'associazione "Cascina dell'Arte" uno spazio espositivo aperto a manifestazioni e mostre sia di artisti locali sia di opere provenienti da importanti collezioni private di artisti di rilevanza internazionale: Asveri, Baj, J. Beuys, M. Bradley, Barnils,, Bonalumi, Brindisi, Castellani, Celiberti, Di Carlo, Emblema, Emeri, Escala, Esposito, Freddi, Greco, Konningen, Lodola, Lista, Marrocco, Parisiot, Pignatelli, Roccotelli, Rotella...

RentArt -
Giovanna Madoi





Back

Giovanna Madoi, di origine italo-francese, nata a Soragna (PR), ha studiato all'Accademia di Brera con il Maestro Gino Moro.
In 45 anni di attività ha esposto,tra l’altro, in Italia al Museo d’Arte Moderna (MI), al Consolato Americano (MI), alla Rotonda della Besana per il restauro dell’Arco della Pace (MI).
Una sua opera è esposta in permanenza nella casa-museo di Pirandello a Marsala; all’estero ha esposto a Biot in una mostra dedicata alla memoria di Picasso, alla International Gallery di New York, al Palazzo dei Congressi di Strasburgo, in collettiva, su invito, al Salon d’Automne di Parigi , al “Plus Berlin” di Berlino.
Hanno scritto di lei : Dino Villani, Enzo Fabiani, Sebastiano Grasso, Dino Buzzati, Raffaele De Grada, Remo Brindisi.
Dal 1972 fa parte dei Soci del Museo della Permanente di Milano. Vive e lavora a Milano.

RentArt -
Angela Martinelli





Back

Angela Martinelli è nata a Bormio (Sondrio) nel 1977. Si avvicina all’arte, sua innata passione, grazie agli studi accademici presso l’Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” di Como, specializzandosi sia in pittura sia in restauro. Già dal 1997 inizia a esporre in mostre collettive, personali e nelle “Arte Fiera” in diverse città italiane, fra cui Milano, Bergamo, Bologna, e all’estero (Svizzera).
Ha progettato e realizzato numerosi affreschi. Si occupa di restauro conservativo di affreschi, tele, tavole e oggetti d’arte.
La sua ricerca creativa è volta all’analisi emozionale che restituisce frammenti carichi di ricordi. Forme classiche e composizioni astratte dialogano tra loro poeticamente. Frammenti di memorie, dettagli sospesi nel tempo e nello spazio e immersi in sfumature di luce caratterizzano le sue opere, che suggeriscono atmosfere intime e sognanti. Astrazioni dipinte si intersecano a sculture in carta ed ermetici paesaggi, il tutto rielaborato attraverso tecniche espressive personali che hanno radici nella classicità della storia dell’arte.

RentArt -
Cecilia Martinelli





Back


DATI ANAGRAFICI
Nata a Pisa il 21 Febbraio 1966

FORMAZIONE PROFESSIONALE
1985 - “Istituto statale d’Arte” presso l'Istituto d’Arte Russoli di Pisa (Specializzazione vetro e vetrate – progettazione – realizzazione e restauro pittorico con grisaglie):
1991 - “Accademia delle Belle Arti” c/o l'Accademia delle Belle Arti di Firenze - Prof. Giulietti (Specializzazione in pittura – Restauro su tavola – tela – affreschi).

MOSTRE COLLETTIVE
1987 - Valle di brancoli (Lucca)
1988 - Villa Bottini (Lucca)
1988 - Stabbiano (Lucca)
1988 – Barbaricina (Pisa)
1988 - Galleria il Navicello (Pisa)
1990 - Galleria Gadarte (Firenze)
2000 - Galleria Corte Isolani (Bologna)

MOSTRE PERSONALI
1991 - Circolo Culturale “il Fitto” – Cecina (LI) - Sponsor: Circolo Culturale “il Fitto”
1992 - Galleria Pictilia – (PI) - Sponsor: Professional Ducato Leasing (PI) - Università degli Studi di Pisa dipartimento di Medievistica
2000 – Centro Benessere - Piazza S. Stefano (BO) - Sponsor: CARISBO Cassa di Risparmio di Bologna (BO) - SDS Servizi di Sistema srl (BO) - Diolaiti Mario Srl (BO) - Tagliavini Srl (BO) - Vivarelli Costruzioni S.r.l. (BO)
2000 – Galleria Grand Hotel Duomo (PI) - Sponsor: CNA Confederazione Nazionale Artigiani (PI) - DIVAL RAS Assicurazioni (PI) - Filippi Renzo Srl (PI) TermoIdraulica di Massimo Cortesi - (PI) - SDS Servizi di Sistema srl (BO)
2001 – Galleria La Piccola di via S. Stefano BO) - Sponsor: CARISBO Cassa di Risparmio di Bologna (BO) - SDS Servizi di Sistema srl (BO)
2002 – Galleria La Piccola di via S. Stefano (BO) - Sponsor: - SDS Servizi di Sistema srl (BO)
2008 – presso comune Marzabotto (BO) patrocinio assessorato cultura
2008 20/07/ galleria saletta degli angeli a Lucca sponsor base spa

FIERE
2000 – ArteFiera di Reggio Emilia selezionata dalla critica
2002 - Expoarte Bari (presso lo stand di Martinelli Art)
2002 - Expoarte Padova (presso lo stand di Martinelli Art)
2003 - Expoarte Padova (presso lo stand galleria Arte incontri di Torino

PREMI
1973 - “Concorso Nazionale di disegno per bambini - Città di Lucca”- 1° Premio
1974 - “Concorso nazionale del Giornalino dei Ragazzi” – 2° premio con Medaglia d’Argento
1991 - “5° concorso di pittura - INCONTRO CON LA LAGUNA” – Venezia - Premio speciale della critica per la grafica con Targa Leone d’Argento
1991 - “9° concorso Premio Nazionale d’Arte città di Pistoia” – 3° premio per la pittura
1991 - “2° concorso nazionale “Città di Lucca” Antico Caffè di Simo - Segnalazione della critica con Medaglia d’Argento”
1993 - Concorso Giuseppe Viviani (premio internazionale) - 2° Premio nella sezione grafica

RentArt -
Alejandrina Solares





Back

E’ nata nella Repubblica Dominicana.
Approdata giovanissima in Italia, si è formata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, entrando in contatto con numerosi artisti e docenti che hanno contribuito alla sua formazione artistica.
In Europa compie una serie di viaggi formativi, fondamentali per la sua ricerca.
Lavora con mezzi espressivi differenti appartenenti alla pittura, scultura, installazione e performance esplorando e analizzando un tema profondo e unitario: le forme che la vita assume nel suo dilatarsi e organizzarsi attraverso argomenti quali la sofferenza umana, il dolore fisico e la precarietà della vita. Partecipa a mostre personali e collettive d’importanza nazionale e internazionale, come Carrousel du Louvre, Parigi (2013); Memento mori, presso Circuiti Dinamici, Milano (2014); vince il premio Smart City nel 2013.
Negli ultimi anni espone opere pittoriche che indagano la morte come evento inseparabile dalla vita.