Rosanna Forino

Back

Dopo un periodo iniziale di studi all'Accademia di Brera (Milano), approfondisce disegno, pittura e incisione sotto la guida del maestro Augusto Colombo.
Negli anni '50 frequenta gli artisti milanesi: Baj, Dova, Veronesi, Dangelo; scopre Chagall, Kandinskij e Picasso.
Negli anni '60 la sua pittura diventa "non-oggettiva": dipinge le astrazioni mediterranee. Lavora in Costa Azzurra e alterna soggiorni tra Nizza, Montecarlo e Antibes, dove realizza La ragazza dai capelli rossi.
Nel 1972 la prima personale a Vicenza, Galleria al Corso. Due anni più tardi espone a Bergamo, Galleria Modì.
Del 1979 è la personale antologica al Palazzo dell'Arengario di Milano.
Dal 1979 inizia la collaborazione con la Galleria Schettini con una personale (saggi di Marcello Venturoli, Gianni Vianello, Carlo Munari, Lella Tucci). Partecipa regolarmente ai Salons di Arles (Palais des Congrés), Marseille, Avignon, Montecarlo.
A Parigi incontra André Verdet, Christian D'Orgeix, Salvado Jacinto. È di questo periodo la metamorfosi tra le forme reali e il paesaggio interiore, segno distintivo della sua espressione artistica.
Dal 1981 presenta la propria opera in Inghilterra, Francia, Germania, dove Alexander Schwarz organizza esposizioni a Gelsenkirchen, Wulfrath, Kleve, Koblenz.
Nel 1985 a Venezia personale alla Galleria Il Canale.
Nel 1986 inizia la lunga collaborazione con la Galleria Vismara Arte, condotta da Zita Vismara, con un'esposizione personale.
Tra il 1987 e il 1989 hanno luogo altre esposizioni in Olanda e a New Orleans.
Nel 1989 personale allo Studio 111 di Milano, curata da Vittoria Marinetti.
Nel 1990 è invitata alla Fondazione Culturale Sovietica di Mosca: personale antologica (catalogo Electa con saggi critici di Dmitrij Sarabianov, Riccardo Barletta, Lalla Romano, Vittoria Marinetti, Marcello Venturoli, Gianni Vianello, Sergio Dangelo).
Nel 1992 espone al Musée Municipal de Saint Paul de Vence.
Nel 1993 è presente a Tokyo (TIAS, Fiera Arte Contemporanea), a New York (Artexpo) e a Dallas (Market Hall). È dello stesso anno la personale allaVismara Arte di Milano: Un recente ancestrale. Seguono le personali allo Spazio Arte San Fedele di Milano (1996) e alla Gallerie Bronne di Montecarlo (2000); nel settembre dello stesso anno è invitata a Rodi all'International Forum for a Culture of Peace by Mediterranean Women Creators-Unesco.
Del 2001 è la personale ad Urbino alla casa natale di Raffaello, testo di Flaminio Gualdoni.
Nel 2004, personale alla Galleria Scoglio di Quarto, Milano.
Dal 2005 è presente in permanenza all'Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e alla Quadreria Museo CRAS di Spilimbergo; allestisce una personale al Museo La Mals a Sochaux. Sempre nel 2005 è invitata a Pechino a The Second Beijing International Art Biennale China.
Del 2006 è la personale all'Antico Palazzo di Città a Mondovì, testo di Alberto Veca.
Del 2008 la personale alla Galleria Vinciana di Milano con testo di Alberto Veca.
Nel 2010 personale alla Galleria Cortina di Milano, testo di Luca Pietro Nicoletti.

2010-2014

Back

Mostre Personali :
2010 – Albissola Mare – Centro Artistico Bludiprussia
2010 – Milano – Cortina Arte

Mostre Collettive :
2010 – Milano – “Tornare a Itaca”
2010 – Milano – Museo della Permanente – Artisti della Permanente
2011 – Parigi – Galleria Orenda Art International
2011 – Finalborgo – Oratorio dei Disciplinanti
2011 – New York – Onishi Gallery, New York
2011 – Milano – Galleria Scoglio di Quarto – Auguri Italia
2011 – Piacenza – Galleria Scoglio di Quarto – Fiera dell'Arte Contemporanea
2011 – Brescia – Galleria Scoglio di Quarto – Fiera dell'Arte Contemporanea
2011 – Bergamo – Galleria Scoglio di Quarto – Fiera dell'Arte Contemporanea
2011 – Cremona – Galleria Scoglio di Quarto – Fiera dell'Arte Contemporanea
2012 – Montecarlo – Forum des Artistes de Monaco
2012 – Londra – Centro Italiano Arte e Cultura – Torino
2012 – Montecarlo – Gemluc Art – Auditorium
2012 – Ibiza – Artic Blue Gallery
2013 – Bergamo – Galleria Scoglio di Quarto – Fiera dell'Arte Contemporanea
2013 – Tempo Art Museum – Pechino – Xingshikou Road Beijing city (acquisizione opera)
2013 – Milano – Museo della Permanente – Mostra Spazio Atelier

2000-2009

Back

Mostre personali :
2000 – Montecarlo – Gallerie Henri Bronne
2000 – Milano – Spazio Santabarbara
2001 – Urbino – Casa natale di Raffaello
2004 – Milano – Scoglio di Quarto
2005 – Sochaux – La Mals – Francia
2006 – Mondovì – Antico Palazzo di Città
2008 – Milano – Galleria Vinciana

Mostre collettive :
2000 – Binasco Milano – Castello Visconteo
2000 – Milano – Quintocortile–“Bianco e Nero2”
2000 – Rodi – FEMME–ART–MEDITERRANEE–UNESCO
2001 – Milano – Museo della Permanente
2001 – Milano – Mi Art–Galleria Vismara Arte
2001 – Mandello Lario – Fondazione Carcano–Santabarbara
2001 – Milano – Scoglio di Quarto “Pensieri d'arte”
2002 – Milano – Il nuovo costruttivismo–Libreria Bocca
2002 – Milano – Bazart – “Dieci+Una”
2002 – Milano – Spazio Santabarbara – Festa d'inizio
2002 – Milano – Spazio Santabarbara – Scelte
2002 – Milano – Gall. S. Carlo – “In viaggio con l'Arcangelo”
2003 – Milano – Bazart e Quintocortile – “Attraversamenti”
2003 – Milano – Bazart e Quintocortile – “Monocromo Rosso–Blu–Giallo”
2003 – Milano – Bibl. Dergano–Bovisa – “Attraversamenti 2”
2003 – Beirut – 2°International Exibition
2004 – Montecarlo – ARTEXPO – Spazio Santabarbara
2004 – Milano – MiArt – Galleria Vismara Arte
2004 – Lugano – MercArt. Scoglio di Quarto
2004 – Montecarlo – Salon des Artistes de Monaco
2004 – Museo della Permanente – Salone Milano
2005 – Arosio – Museo Scalvini
2005 – Bruxelles – Istituto Italiano di Cultura
2005 – Spilimbergo – Quadreria Museo Cras
2005 – Pechino – 2° Beijing International Art Biennale China
2005 – Casablanca – Consolato Italiano
2005 – Milano – Pensieri d'Arte – Scoglio di Quarto
2006 – Spilimbergo – “Bambini e Maestri Colorano” – Quadreria Museo Cras
2006 – Montecarlo – “Corps et Ames”
2006 – Milano – Museo della Permanente – Venti più Cento
2007 – Tunisi – Union des Artistes Plasticiens Tunisiens
2007 – Biella – Carosello Italiano – Palazzo Boglietti – Scoglio di Quarto
2008 – Maccagno – Civico Museo Parisi Valle – Acquisizioni 2008
2008 – Desio – Biennale Arte al Femminile – Villa Tittoni – Scoglio di Quarto
2008 – Casa dell'Energia AEM – Carosello Italiano – Scoglio di Quarto
2008 – Gravedona – Palazzo Gallio – Artisti della Permanente
2008 – Parigi – Grand Palais – «Art en Capital» Dessin et Peinture a l'eau
2009 – Bergamo Arte Fiera 2009 – Scoglio di Quarto
2009 – Cesano Maderno – “1000 Artisti a Palazzo”
2009 – Garbagnate Milanese – Artisti della Permanente
2009 – Milano – Casa dell'energia AEM – “Tavola rotonda” – Scoglio di Quarto
2009 – Cosenza – “Tornare a Itaca” Museo Civico Brettij ed Enotri

1990-1999

Back

Mostre personali :
1990 – Mosca – URSS – Fondazione Culturale Sovietica – Antologica
1991 – Piacenza – Associazione Amici dell'Arte
1992 – St. Paul de Vence – Musee Municipal de Sain Paul
1993 – Albissola Mare – Centro Artistico Bludiprussia
1993 – Milano – Galleria Vismara Arte
1994 – Bottrop – Germania – Galerie TR
1995 – Müleim – Germania – E.C.A.
1995 – Lissone – Milano – Galleria Radice
1995/96 – Kleve – Kellergalerie 195 – Germania
1996 – Milano – San Fedele – Spazio Arte S. Fedele

Mostre collettive :
1990 – Nizza – Art Jonction International – Galleria Contemporart – Modena
1990 – Montecarlo – Les Artistes de Monaco
1991 – Salon '91 – Les Artistes de Monaco
1991 – Milano – Internazionale d'Arte Contemporanea – Galleria Vismara Arte
1991 – Wattenscheid – in der Deele
1993 – Bologna – Arte Fiera – Galleria Vismara Arte – Milano
1993 – Tokio – Tias – Trade Center–Harumi
1993 – New York – Artexpo
1993 – Dallas – Market Hall
1993 – Francoforte – Art Frankfurt – Galleria VismaraArte – Milano
1993 – Parigi – XX FIAC Grand Palais – Galleria Vismara Arte – Milano
1994 – Parigi – “Grands et jeunes d'Aujourd'hui”
1995 – Milano – Espopsizione Permanente – Milano – Italia Nostra
1996 – Cernusco sul Naviglio – ZOZOS
1996 – Senigallia – Museo dell'Informazione
1996 – Montecarlo – Salon del Artistes de Monaco
1996 – Milano – Galleria Vismara Arte – “Stelle di Carta”
1996 – Milano – CAMPUS – Il segno della cultura – Finarte
1997 – Milano – Il filo e il seme – “Artemisia's Sisters”
1998 – Montecarlo – Salon des Artistes de Monaco
1998 – Milano – Studio D'ARS–L'altra Moneta
1999 – Lissone Milano – Gall. Radice “Celebrazione”
1999 – Milano – Umanitaria “I chiostri sotto le stelle”
1999 – Milano – Salone di Primavera–Paolo Barozzi
1999 – Milano – Museo della Permanente – Pittura su carta
1999 – Montecarlo – Les Artistes de Monaco

1980-1989

Back

Mostre personali :
1980 – Torino – City Bank
1981 – Crema – Galleria Duomo
1982 – Asti – Galleria La Giostra
1983 – Milano – Galleria Schettini
1983 – Roma – Galleria Astrolabio
1983 – Chiavenna (Sondrio) – Palazzo Salis
1984 – Brescia – Galleria Abba
1984 – Montecarlo – Gallerie Astrid
1984 – Busto Arsizio – Galleria il Calligramma
1985 – Venezia – Galleria il Canale
1986 – Milano – Galleria Vismara Arte
1986 – Gelsenkirchen – Atelier Rita Theis – Germania
1987 – Kleve – Kellergalerie 195 – G. Laws – Germania
1987 – Wulflrath – Galerie Wilhelm 94 – Germania
1988 – Koblenz – Atelier Tent – Germania
1988 – Gelsenkirchen – Atelier Rita Theis – Germania
1989 – Kleve – Kellergalerie 195 – G. Laws – Germania
1989 – Milano – Studio 111

Mostre collettive :
1981 – Bari – Expo Arte – Galleria Schettini – Milano
1981 – Firenze – Centro Culturale Alberto Viviani
1981 – S. Paul de Vence – Galerie Gollong
1982 – Arles – Salon International
1982 – Montecarlo – Salon Marin
1982 – Marsiglia – Salon de Marseille
1982 – Montecarlo – 26^Gran Prix International D'Art Contemporain
1983 – Londra – Alpine Galery
1983 – Brescia – Arte Expo Galleria Schettini
1984 – Montecarlo – Gran Prix International D'Art Contemporain
1984 – New Orleans (USA) – International House
1984 – Asti – Galleria La Giostra
1984 – Venezia – Premio Nazionale Renato Nardi
1984 – San Martino di Lupari – 10^Biennale D'Arte Contemporanea Pettenon
1985 – Roma – Esposizione Internazionale di Pittura – Fiorisce l'Arte
1985 – Montecarlo – Prix International D'Art Contemporain
1985 – Montecarlo – Salon del Artistes de Monaco
1985 – Andorra Govern – Con selleria d'Educacion i Cultura
1985 – Avignone – Palais del Papes – Salon International Seigneurs de l'Art
1986 – Nizza – Gran Prix Europeen des Arts
1986 – Ostenda – Palais Comunal de la Culture
1987 – Nizza – MGE – Education Nationale – Artistes de Monaco
1988 – Arles – Salon des “Seigneurs de L'Art”
1988 – Malta – Museo Mistico
1989 – Parigi – Artistes Monaco – UNESCO Foyer Intern. D'Accueil Parisien
1989 – Lampedusa – VI° premio internazionale di pittura “Amore Amore”

1972-1979

Back

Mostre personali :
1972 – Vicenza – Galleria al Corso
1974 – Bergamo – Galleria Modì
1975 – Milano – Galleria Baguttino
1976 – Busto Arsizio – Galleria il Calligramma
1976 – Padova – Galleria La Cupola
1976 – Milano – Galleria La Conca
1977 – Asti – Galleria La Giostra
1978 – Bassano Del Grappa – Galleria Il Fiore
1978 – Vittorio Veneto – Galleria La Sfera
1978 – Busto Arsizio – Galleria il Calligramma
1979 – Milano – Galleria Schettini
1979 – Milano – Palazzo Arengario – Antologica

Mostre collettive :
1974/75 – Milano – Biblioteca Comunale Guastalla
1978 – Borgo D'Alé – 11^Concorso Nazionale di Pittura – La Pesca d'Oro
1978 – Milano – Centro d'Arte Cultura e Costume ciclo delle Regioni
1978 – S.Martino di Lupari – 7^Biennale Arte Contemporanea Pettenon

ALBERTO VECA

Back

Della figura e del linguaggio
In questa manifestazione milanese Rosanna Forino presenta lavori già esposti nella mostra antologica tenutasi all' "Antico Palazzo di Città" di Mondovì nel 2006 e un consistente gruppo di opere di più recente realizzazione: un arco cronologico ristretto che conferma certamente la fisionomia del linguaggio dell'artista ma apre anche possibili sviluppi ulteriori.
Il consiglio per una lettura, comunque, è quello di partire dalla piccola "quadreria" impaginata per l'occasione perchè nell'accostamento di esiti diversi nell'uniformità delle dimensioni e della "confezione" si possono cogliere alcuni aspetti del fare dell'artista, soprattutto la costanza del suo repertorio segnico e la varietà che le diverse composizioni determinano.
In un precedente intervento, in occasione della citata antologica, avevo sottolineato l'aspetto scritturale del dipingere, parlando appunto delle sue opere come di "pagine di diario" e confermerei la metafora con la successione di tracce diverse, tese a comporre una frase plasticamente coerente adottando un campionario di segni finito almeno dal punto di vista tipologico, appunto un repertorio le cui varianti dipendono dall'occasione, dall'occorrenza sulla medesima superficie, dal disegno complessivo che determina pesi e misure per le singole parti in competizione.
Oggi mi sembra legittimo aggiungere una ulteriore analogia, una affinità con la frase musicale, nell'accostamento di "note" difformi ma capaci di realizzare una "frase" armonica nella diversità dei singoli elementi, in sintonia con l'architettura dell'universo ha affermato l'estetica che nell'arte ha visto la materializzazione del sogno rispetto alla noia della realtà.
La consonanza di grafie/voci diverse, la loro coesistenza fino a formare un risultato omogeneo credo siano il senso che Forino attribuisca alla sua pittura: può essere pericoloso interpretare l'obbiettivo di un agire espressivo ma l'effetto dell'opera su chi la legge appartiene alla categoria dello "stile" o della misura più che al "grido", per adottare una antitesi fortunatamente ancora oggi valida nel mondo dell'arte perchè svincolata da scelte stilistiche e formali.
Forino concepisce il singolo esito di pittura come un campo dove coesistono diverse soglie di fattura e conseguentemente leggibilità dell'immagine dal tratto lineare cromaticamente netto singolo alla sua seriazione in una trama o un intreccio di grande evidenza, alla stesura di una forma altrettanto coprente di ridotte dimensioni, al pigmento diluito di forme di più ampia superficie che segnala e accoglie velature, a ridotte zone monocrome a rilievo.
In fondo è pertinente parlare di un elementare sillabario di come la figura possa occupare il campo, passando dalla pennellata continua, stesa con un gesto senza controllo se non quello determinato dall'esperienza, all'uso contemporaneamente di una figura disegnata nella sua fisionomia architettonica.
Allora è possibile far coesistere il linguaggio immediato della traccia di pigmento lasciata sulla superficie e quello più meditato che scava all'interno della figura, anche a partire dal suo profilo: segni diversi che corrispondono a tempi diversi con cui l'opera risulta finita: un gioco di pesi è di riequilibri della composizione perchè l'effetto finale possa essere equilibrato: in termini diversi riemerge quel principio di armonia precedentemente segnalato.
Sono in antagonismo, sia pure concordi nel mettere insieme un'immagine risultante, il tratto del disegno, netto e definito e il tratto disteso della pennellata: in questo caso si vuole sottolineare la registrazione di un tempo della realizzazione, con tutta l'emozione che il percorrere la superficie con un colore determina; in quello l'attenzione è concentrata su quanto viene delineato, una precisione calligrafica rispetto all'immediatezza del gesto.
Una felice consonanza di opposti del linguaggio figurativo che in effetti sono antitetici in un ristretto mondo del fare immagine attenta al valore "linguistico" degli elementi che costituiscono l'immagine.
L'allusione a una figuratività è costante nel lavoro dell'artista, una meditazione sul "paesaggio", inteso come esplorazione delle coordinate spaziali in cui l'uomo determina la propria posizione rispetto allo spazio e al tempo, alla propria storia: questo mi sembra l'elemento determinante i recenti "cicli" di lavoro: l'allusione alla profondità nella serie "Oceanie" in cui era prevalente una lettura "alto/basso"; l'illusione di architettura, di scena teatrale nel ciclo "Blu oltremare".
La produzione più recente dell'artista ruota intorno a una figura archetipica, quella dell'albero, il cui valore assiale, di connessione tra terra e cielo, fra radici e chioma, che è stata riconosciuta come comune in ogni cultura. Adeguare il proprio fare pittura a tale soggetto è segnale di una riuscita sintesi fra una architettura figuralmente difforme per elementi ma organicamente funzionale: in sintesi un modo per riconoscere l'affinità e quindi la legittimità del proprio fare.
Alberto Veca, Milano, febbraio 2008 Galleria Vinciana

PAGINE Dl DIARIO
La letteratura critica sulla ricerca di Rosanna Forino ha già individuato echi e assonanze: questa proposta di lettura è, per così dire, a d stanza "ravvicinata" rispetto all'opera, senza implicazioni di collocazione del lavoro quanto nella definizione d alcune qualità costanti che mi sembrano significative.
I titolo adottato, infatti, vuole alludere a una "inclinazione" alla scrittura, appunto alla pagina, che il lavoro dell'artista esprime, più che a una vocazione illusionistici o rappresentativa che 'opera plastica può legittimamente conoscere ma che nel nostro caso sembra essere esclusa, anche se le profondità alluse nella pittura e la superficie altrettanto messa n evidenza possono costituire una sorta di "palcoscenico" teatrale diversamente indagato.
Ma d'altra parte anche a pagina del manoscritto miniato ha una cornice, degli stipiti, per poi entrare nel cuore de la composizione diversamente in questo caso si entra immediatamente nel luogo del racconto, senza preamboli o rassicuranti cornici.
Si può aggiungere ancora come la "scrittura" in discussione abbia radici nel fare immagine, senza contaminazioni con altri possibili statuti espressivi: non a caso diventano nevralgiche le antitesi elementari fra superficie piana, anche un limitato aggetto, e l'illusione della terza dimensione, fra trasparenza e opacità infine: il tutto operato senza alcun riferimento a grammatiche del percepire che non siano quelle della fantasia ma non dell'incidente fortuito, del caso.
All'opposto la ricerca di un equilibrio fra frammenti eterogenei è uno dei punti nevralgici del discorso, ottenuto credo per un costante ricorso all'esercizio di "prova e errore", fino a quando cioè le parti entrano fra loro in una relazione armoniosa, alla ricerca di una sintonia in cui il "diverso" trova un suo adeguato, provvisorio, punto di stazione.
In gioco è allora un repertorio d pittura costituito da tracce selezionate in un ampio ventaglio di possibilità, quasi un dizionario che contempla tanto la campitura capace di definire una figura completa quanto una linea, di dimensioni variabili, che, invece, serve come soglia per definire campi eterogenei, dalla grande dimensione alla ridotta fino alla minima.
E' allora possibile tanto percorrere a superficie, a segnalare un disegno realizzato sulla "pelle" quanto un viaggio nella profondità, quasi uno svelare l'opacità del vuoto per giungere ne luoghi nevralgici della figura. Rispetto a esiti di stagione precedenti, in cui vi era la prevalenza di una figura ad andamento orizzontale, una stesura di getto, rispetto a altri segnali diversamente disposti nel campo a equilibrare a composizione, il lavoro recente, pur non rinunciando alla varietà delle figure, prevede una maggiore relazione formale che paradossalmente, ne esalta le differenze.
Vi sono stati anni in cui la corrispondenza fra pittura e linguaggio inseguiva equivalenze suggestive, teoricamente non sostenibili ma appunto analogie e contaminazioni fortunate: a quella congiuntura critica e espressiva sono personalmente legato, anche se alla rigida circoscrizione di ieri si è negli anni aggiunta una apertura a altre esperienze, sperando che sia arricchimento e non confusione; in questa prospettiva la ricognizione del lavoro di Forino costituisce un contributo innovativo.
Risulta protagonista una sorta di esercizio calligrafico, per rafforzare la metafora iniziale, sempre più stringente una volta che si rifletta sul lavoro, soprattutto quello recente in cui alla precedente predilezione per una gestualità misurata, lo scorrere fluido della pennellata, non disegnata, si è sostituita la soluzione di un più esatto, regolare perimetro delle forme.
Si tratta della "riduzione" a forme geometriche di figure altrimenti formalmente indefinite: della precedente provvisorietà hanno mantenuto, almeno nella prevalenza, una disposizione instabile nel campo, dove domina, diversificato, l'andamento diagonale rispetto all'ortodosso sistema orizzontale/verticale.
Ne emerge una "precarietà" della scena, evidentemente allusa, la registrazione di un momento, appunto un "episodio" in evoluzione possibile perchè variabili sono le grandezze, la cromia, la stessa fisionomia della "calligrafia" adottata.
Si può partire da una lettura complessiva in cui emerge quel desiderio di mettere in relazione le parti già citato, e non importa se il percorso travalica la singola "pagina", snodandosi in campi adiacenti perchè iI rimando fra episodio e episodio è continuo, senza privilegio accordato a alcun "centro" rispetto a una periferia, al margine; ma si può indagare anche attraverso l'osservazione ravvicinata di un particolare, alle soglie di una decifrazione del foglio costruita su frammenti sempre più ridotti. Ma le figure presenti, difformi per esiti plastici, appartengono al medesimo linguaggio, ne sono una diversa declinazione, a testimoniare l'ampiezza e la varietà delle soluzioni e delle combinazioni possibili.
Alberto Veca, Milano, marzo 2006 Mondovì - Antico Palazzo di Città

CRISTINA ROSSI

Back

Onde sonore che si inseguono in verticale, onde che non sai da dove provengano, nè dove vadano, ma sono lì, fissate in cento azzurri differenti, in acrilici trasparenti come fa l'oceano prima di scomporsi i singoli flutti carichi di luce interiore, vibrazioni armoniche, forme﷓colori che appartengono più al regno della musica che a quello della pittura, nel loro continuo fondersi e dissolversi.
"Oggi sono più libera dal mestiere, dalla tecnica, l'atto materiale del dipingere, l'impasto dei colori, il lavoro, la difficoltà del maneggiare, frena, vincola, distoglie dal posare lo sguardo altrove": afferma con forza Rosanna Forino. L'altrove, per lei, è soprattutto l'inconscio/subconscio che affiora, si ribella: "quando metto troppa razionalità nel dipingere sbaglio e l'inconscio si ribella ".
Il vincolo formale è pertanto uno strumento, un contenitore, una misura in mano all'irrazionale. Il percorso artistico di Rosanna Forino esige oggi un nuovo equilibrio, una progettualità, un rigore più "alto" nella composizione; un momento sofferto ben espresso dal recente monocromo Monocolore giallo, dire giallo è riduttivo, dove colore e materia marcano una nuova relazione, con segno e forme di matrice più essenziale, con un rigore che oggi è più che mai sentito dall'artista. "Il monocromo ti mette un laccio al collo, ti costringe a graduare diversamente colore e materia, ti stimola a ridefinire la tua pittura, a sottrarre...". Aggiunge Rosanna, consapevole di dover coniugare un verbo fondamentale per la creatività, che oggi non si ottiene più per addizione, ma per sottrazione. Così le "onde" che suggeriscono un moto, del mare o dell'aria o il ritmo della poesia, ma anche un volo di gazze osservato nell'andirivieni tra Milano e Montecarlo, incontrano altri segni, tracce di una nuova logica della composizione. "Vado a vedere le mostre ma non troppo, mi proteggo dal vedere troppo; nulla si sedimenta e nulla riaffiora, come patrimonio di emozioni, se vedo troppo... ".
Rosanna Forino dipinge dal 1977; a quindici anni ha capito di voler essere una pittrice e la sua arte si è dipanata libera da schemi mentali e da maestri troppo condizionanti. "...non ho avuto maestri imperiosi".
Un viaggio in Messico e in Russia, nel 1990, dove ha esposto alla Fondazione Culturale Sovietica; due incontri forti con i tanti luoghi altri; il viaggio come gioco e messa a fuoco dello sguardo sul particolare. Una tavolozza mai abbandonata ove il blu/celeste si declina nei toni più disparati.
Vive e lavora tra Milano e la Costa Azzurra; numerose le sue personali in Italia e all'estero, la prima a Vicenza, nel 72, nell'86 alla galleria Vismara di Milano, e, sempre a Milano, la prossima, imminente mostra a Scoglio di Quarto.
Dipingere è per lei un fatto naturale, fa parte di un sentimento profondo, imperfetto come i sentimenti, ma duraturo, che non subisce scosse, se mai ha bisogno di scavare con più rigore dentro di se e nello stesso tempo di correre libero. "Il mio modo di guardare il quadro non è puramente istintivo, emotivo, ma razionale, intuitivo; posso capovolgere il quadro, riguardarlo e scoprirlo, questo mi fa vedere altro, mi stimola anche se è un gesto spontaneo, lo ha fatto anche Kandinsky con un suo paesaggio e questo gesto lo ha portato lontano...".
Forino si muove con leggerezza nella ricerca che porta avanti, senza urti, rotture, coerente con tutto il suo lavoro; una profonda fiducia nei propri mezzi coscienza dei sentimenti la guidano a una personalissima ricerca artistica libera da ossessioni. Come succede solo ai veri poeti.
Cristina Rossi, Milano marzo 2004 Scoglio di Quarto

FLAMINIO GUALDONI

Back

E' una sorta di piacere intenso, e per fortuna non segreto, a presiedere la vita d'atelier di Rosanna Forino. Una vita fatta di luci alte, nette, e d'un rapporto di limpida sensuosità con le sostanze coloristiche. Da sempre, Forino ha scelto per sè, per questi suoi haiku pittorici, il linguaggio della geometria, delle forme prime non pure, non ideologicamente stabilizzate: essenziali, piuttosto. Forme che non valgono sagome, bensì la distillazione di gesti formativi. è su questi due punti che può impostarsi una lettura pertinente del suo lavoro, che soprattutto nelle stagioni ultime ha trovato il passo, la souplesse, la pienezza del raggiungimento definitivo. Sono forme prime, perchè non derivano ortopedicamente dal sogno di perfezione plastica che pure molte avanguardie del secolo avevano coltivato. Forino, ha ben notato Dmitrij Sarabianov, scava entro la sensazione naturale: meglio, verrebbe da dire, entro un sentimento del naturale che, in questi anni, è giunto a identificare nell'animo della pittrice lo stream vitale dell'ondeggiare marino, e il mistero meravigliato del variare di sostanza luminosa di mare e cielo, come valore complessivo dell'altro, di ciò che, fuori di noi, ci consente di pensarci.
Dunque non il motif naturale, non la suggestione sensibile iniziale, ma ciò che della visione, e del flusso affettivo innescato dalla visione, si decanta in penser couleur, è lo snodo concettuale, oltre che espressivo, sul quale ella opera. Attraverso tale approccio, filtrato da meditazioni lunghe, da esperimenti e cicli pittorici condotti, come ha indicato Lalla Romano, con "sicurezza tranquilla, immune da vanità", Forino ha ritrovato, dell'astrazione storica, altre fonti prime. Non la vertigine del simbolo, altrettanto aliena quanto la messinscena delle forme chiuse: certo, l"'astrazione con qualche ricordo" di Klee; e il senso panico, l'erotismo sublimato in andamenti biomorfi struggenti, di Kandinskij; e la luce dentro dei celesti di Matisse, lo scambiarsi fisiologico terso delle sinuosità dell'Onda, delle Oceanie: per un tramite diretto, oltretutto, che è agevole leggere nelle prove passate, l'astrazione sorridente e lieve, tutta musica, niente fuoco, meraviglia ancora, di Luigi Veronesi, padre nobile di questa pittura.
Forino si è scelta una tradizione, una genealogia, beninteso, non per proclamare quarti di nobiltà intellettuale. Si è trattato, semplicemente, di capire quali tra i "maggior sui" indicassero la via di un trascendimento del naturale alieno da metafisiche tanto quanto dalle panie del corporeo; un trascendimento che godesse della medesima astrazione straniata, ma quanto radiante, della musica: d'altronde, scoprire che Forino è melomane feroce è dato ovvio, inevitabile, a questo punto.
Tutto ciò spiega, anche, perchè si possa dire anche, per l'artista, di gesto, d'un corso di nascita e costituzione dell'immagine che passa attraverso l'avvertimento, e il risentimento, degli atti fondamentali della pittura Forino non vive la pittura come processo ordinato di padronanze. A ben vedere, merito suo grande è anche di non aver stabilizzato modi pittorici fissi, in odore di cucina della forma. Se musicale è la sua coscienza del flusso affettivo, tiene dell'improvvisazione musicale - delle segrete regole, delle facoltatività al pari delle necessità - la sequenza degli atti, I'ampiezza determinatissima delle stesure, la capacità automatica ormai di regolare accordatura e intonazione degli accenti primi del colore, delle tessiture di rapporti, delle armoniche emotive.
Non è un caso che Sergio Dangelo, tra gli artisti mente limpida, e auscultatore acuto dell'opera altrui, possa indicare in un bel testo poetico i suoi "precisi intervalli", ma anche i "brillanti / in rosso giallo arancio verde / colori della bandiera del tuo sogno": musicalità su musicalità.
Sono gesti, quelli di Forino, che d'altronde valgono grafia, ovvero il corso temporale perfettamente delucidato del dipanarsi dei segni, dei colpeggi, delle zonature, in cui l'intimità tutta - la sfera non padroneggiabile quanto il raziocinio si avverte e si pronuncia. Tale suggestione scritturale, meglio, d'uno scriversi attraverso forme/colore, è amplificata, ma allo stesso tempo precisata, dalla predilezione recente di Forino per quei rotoli dispiegati verticalmente che, evocando l'evidenza alta dello stendardo, parlano la lingua delle calligrafie orientali, dei rotoli in cui pariteticamente l'immagine e la scrittura trovano dimora naturale.
Anche questo è un dato di tradizione, d'una tradizione alla quale Forino s'iscrive non ortopedicamente, ma per riconosciuta consanguineità. Ed è una tradizione che risale a un sentimento del segno - del segnare come atto primario d'identità - capace di risalire al grumo originario dal quale la nostra stessa idea di scrittura e pittura, di machina significativa e di codice, discende. Per l'artista, codice non ovvio è parificare, omogeneizzando in un unico campo di visione/lettura, i grafemi ciliati, le tracce emotivamente sismografiche, del nero sottile, e le bande ampie, di calibrata effusione delle stesure colorate.
I colori stessi, al pari delle tramature grafiche, risuonano di vibrazioni differenti; si presentano, soprattutto, con differenti caratteri. Ma non si sovrappongono, non collidono, non confliggono nell'aspettativa tridimensionale.
La planarità da pagina - o matissianamente, da tarsia - del supporto è acquisita in modo tanto inderogabile quanto evidentemente necessario. Così come lo svolgersi di quei singoli, autonomi comportamenti, visivi e non solo, che trovano infine unità e omogeneità come maglia stretta e fluente di rapporti, di scambi, di bilanciamenti e di fughe armoniche: non un teatro di emozioni fatte forma, ma un flusso appassionato capace, mentre s'avverte, di scriversi.
Flaminio Gualdoni, Urbino 2001 Casa Natale di Raffaello

MICHEL DESFORGES

Back

Spazio, gesto, sguardo
Ecco un artista notevole che appare troppo rararmente sulle pareti espositive.
Non è fra coloro che producono copiosamente, che tengono ad esporre sovente, per narcisismo.
Questa retrospettiva vent'anni di pittura - mostra il percorso unico di Rosanna Forino, il suo cammino dal figurativo all'astratto.
L'astrazione, qui, non ha nulla di sconcertante. di freddo, d'insensibile.
C'è sempre del figurativo "che persiste" come lei stessa afferma. Volti, paesaggi fremono al soffio universale. Spazio, gesto, sguardo: tutto si fonde mentalmente, cromaticamente.
I suoi quadri-ritratto, nello stesso tempo figurativi ed astratti, sono singolari nella storia dell'arte contemporanea.
Michael Desforges, Montecarlo 2000 Gallerie Henri Bronne

AMANDA REGGIORI

Back

INCONSCIO VIOLA E OLTRE
La mattina in cui, con Lei, vi dibatteste fra quegli splendori di neve, quelle labbra verdi, quegli specchi, quelle bandiere nere e quei raggi azzurri, e quei profumi purpurei del sole dei poli La tua forza. da "Metropolitana" di Arthur Rimbaud
Equilibri incerti, suoni armonici e lacrime nere sono inviti a penetrare nel teatro arcano di Rosanna Forino.
Sipario dopo sipario, attraverso drappeggi colorati dal nero al rosa pallido seguendo violenti bagliori gialli, si entra nella profondità della scena dove memorie, paure, sorrisi e rivolte si ricompongono in un villaggio globale delle meraviglie.
L'opera, che inizia a prendere forma piatta sul terreno, germina dallo sfondo in cui l'acrilico impetuoso e fulmineo si accorda col pensiero, si verticalizza, fase dopo fase, colmandosi di stelle filanti, di cerchi spaccati, di forme morbide come onde marine, di archi di paesaggi urbani ancestrali e sognati.
Le sfumature d'accompagnamento, i vibrati colpi di spatola, le mezze lune, che sono contemporaneamente astrazione e ritorno alla realtà, si offrono come l'incerto, momenti accattivanti, sempre gesti nuovi, disciplinati e pazienti però.
Lo sguardo è attratto dai luoghi più esoterici e clandestini che il palcoscenico offre, obbligato a non staccarsi, continuamente attirato da minuscoli richiami geometrici rosso fuoco o indaco lacustre. Le campiture colorate sono abitate da folletti e fate, frammenti di fiabe, che si aggirano all'interno di spirali e vortici, avvolti da sinuosi drappi.
Tutto è vivificante, ottimista, femminile.
Rosanna è spettatrice dei suoi dipinti durante l'azione, lei è fuori, ma nel contempo si guarda in uno specchio in cui l'inconscio si sta materializzando, in viola o nelle tinte dell'oltre cielo.
Chiome come gomitoli di filo di seta, graffiti di china che tagliano prospettive sferiche, mattoni di un muro che nel miraggio è già superato, ma con i lampi del conflitto si ricompone come croce, sono reminiscenze e evocazioni.
Rosanna, I'artista, rientra nel suo dipinto e si concretizza come protagonista dalle sembianze di occhio stilizzato, di mano affusolata, di flessuosa schiena di donna.
Con questo gesto ripetuto, ma irripetibile, Rosanna offre un figlio al di fuori di sè, dandogli paternità e non maternità.
L'occhio-femmina così incanta con una musica visiva di sirena, convinto di incarnare l'eterno potere della donna di bretoniana memoria, potrebbe richiamare alla mente Kandinsky e Delaunay, ma si propone come esclusivo, nato da emergenze inconsce.
Amanda Reggiori, Lissone (MI) marzo 1995 Galleria Radice

ALEXANDER SCHWARZ

Back

La pittura di Rosanna Forino è l'espressione di una visione spontanea e di una meditazione profonda. .
Il suo universo pittorico rivela sia la forza che il raccoglimento dell'artista. .
Attraverso le sue luminose gamme cromatiche ci viene rivelata un interpretazione molto serena della vita. .
Le sue composizioni astratte sono vettori della sua struttura mentale ed emotiva e sono determinate dal ritmo dinamico dei suoi tratti. .
Con una grande maestria e sensibilità nell'impiego dei mezzi d'espressione plastica, l'artista è alla ricerca di una sintesi perfetta tra forma e colori. .
Le sue tele sono caratterizzate dalla sorprendente complessità delle sue motivazioni, concezioni ed esigenze plastiche ,mentre nei suoi acquerelli e disegni lo spazio pittorico è definito in maniera più diretta e spontanea e questo, a volte, con un solo tratto. .
La pittura di Rosanna Forino è testimone di una grande maturità artistica e riflette un'incredibile armonia fra vitalità gestuale, vivacità di colori ed equilibrio delle forme. .
Il dinamismo gestuale dell'artista e strettamente legato a una spiritualità profonda che si rivela essere all'origine della luminosità presente in tutte le sue opere.
Alexander Schwarz, Germania maggio 1995 Galleria E.C.A. Mülheim/Ruhr

Dmitrij Lichacov

Back

Meditazioni pittoriche di Rosanna Forino
Ho davanti a me un'opera su carta di Rosanna Forino che la pittrice mi ha regalato nel gennaio 1989. Il disegno è realizzato a china e acquarello, a pennello e a penna.
Dal fondo bianco, come da uno spazio infinito, affiorano tratti liberi, rettangoli colorati, linee parallele che sembrerebbero predisposte a ricevere note musicali. Questi elementi di forme e tinte diverse, allontanati dall'occhio a distanze differenziate, talvolta intersecantesi, ora si muovono ora si arrestano, animando la pura superficie bianca su cui sono disposti.
Così Rosanna Forino contempla il mondo, riflette su di esso, più esattamente riflette su se stessa in esso. Nell'atto creativo supera la barriera fra oggetto e soggetto, fra realtà circostante e sè, e si dissolve nella sfera universale.
In un'immagine sorprendente si collegano lo spazio infinito, incommensurabile, di questo universo e "il piccolo mondo" dell'anima della pittrice, misurato con concreti parametri terrestri. Vengono in mente i "Piccoli mondi" di Vasilij Kandinskij in cui il titolo stesso rivela la medesima associazione. Nel contemplarli ci si può avvicinare con il viso alla carta, entrare in questo cosmo senza pretendere affatto che sia onnicomprensivo. Esso cresce da solo, uscendo dai limiti del foglio e ci conduce con sè nella profondità dell'anima che possiede la stessa illimitatezza dell'universo.
Rosanna Forino tende a conciliare i due poli estremi fra cui oscilla la tradizione italiana. Da una parte la matrice rinasci mentale, la più classica rispetto alle scuole europee, il cui ricordo si è mantenuto a lungo nella pittura italiana. Dall'altra il futurismo, uno dei movimenti più innovatori e sovversivi dell'arte mondiale del XX secolo.
La Forino è come se modernizzasse la tradizione classica, continuando le ricerche di armonia e bellezza, basandosi sul linguaggio artistico dell'Era contemporanea. Nello stesso tempo, mantenendo le distanze dagli estremismi, prende questo linguaggio da maestri dell'avanguardia come Vasilij Kandinskij e Frantisek Kupka, mostrando chiaramente un trasporto per le tradizioni che si sono venute a creare nel nostro secolo. La pittrice non erige una barriera intransitabile fra la pittura figurativa e la pittura astratta. Nella sua arte è già stato sperimentato il passaggio naturale dalla figurazione all'astrazione che a loro tempo hanno compiuto gli iniziatori ed i maestri della pittura non oggettiva. Questo passaggio ha contrassegnato il processo di graduale liberazione dei puri elementi essenziali della pittura - colori, linee, macchie - dal contenuto oggettivo. Ma le forme pittoriche non si sono per questo semplificate, anzi si sono complicate. Forse per questo la pittrice è tornata di frequente alla creazione figurativa arricchendola di quel che era stato scoperto nel processo di conquista della "pura forma".
I ritratti, il più delle volte femminili, eseguiti negli ultimi tempi sono l'espressione evidente di questo andare "a ritroso", che si compie per raggiungere la sintesi di vecchio e nuovo. Le libere macchie di colore creano in essi una struttura autonoma, adeguata alla persona reale. Le forme pittoriche che incorniciano i volti potrebbero da sole adempiere la funzione di un'immagine artistica compiuta. Ma l'espressività di queste forme viene accentuata dai volti, benchè in contrasto con essi: contrasto ove è pure nascosto un senso metaforico. Quando osservi i quadri di Rosanna Forino degli anni Settanta comprendi che le forme astratte delle sue pitture nascono dalla natura - alberi e fiori, terre e mari, soli e nubi -.
È un'artista della natura che trova nella vita organica la fonte dell'ispirazione e conosce l'importanza dell'intima coesione della natura. Nella sua percezione de mondo non è difficile avvertire un ripensamento dell'esperienza impressionistica fatta passare attraverso la spontaneità tensione faure. I suoi alberi crescono liberamente, le nuvole volano, i fiori fioriscono magnificamente rigogliosi. Ma la pennellata impressionista è mutata in una piccola superficie. L'una vicina alI'altra le macchie di colore non sono calcolate in modo da fondersi nell'occhio dello spettatore. Al contrario, esse creano un sistema decorativo in cui i colori puri hanno un'autonomia e, in vicinanza l'uno dell'altro, generano una musica densa di consonanze di colori. Anche Ia composizione del quadro viene strutturata. Il ritmo trascinante di linee e forme si sottomette ai motivi prevalenti. Si determinano le dominanti pittorico-plastiche attorno alle quali si organizzano gli elementi accessori. Tuttavia la tendenza a introdurre il genuino e lo spontaneo nei limiti della legge pittorica non turba l'unità naturale. L'artista non fa una differenza di principio fra essenziale e secondario. Il mondo è costituito di componenti equivalenti. Il "piccolo" è ricolmo dello stesso significato interiore del "grande". Questo modo di vedere permette all'artista di avvertire la sua partecipazione alle leggi generali dell'essere, di immergersi nella natura, di fondersi in essa, superando la posizione di chi crea sottomettendo a sè il mondo circostante. Nei momenti di fusione dell'artista nella natura nasce una meditazione lirica effettuata con i mezzi della pittura.
Ma ora lasciamo la fase precedente del percorso di Rosanna Forino e passiamo alla sua attuale opera, alla sua pittura e ai lavori su carta degli anni Ottanta. Qualcosa nella pittura e nella grafica dà modo di ricordare il periodo precedente. Dietro alla linea curva, che assume la forma dell'arco (questo motivo si incontra spesso nei lavori di Rosanna Forino) è facile intravedere il motivo del tronco ricurvo dell'albero. I cerchi e le macchie ovali suscitano il ricordo del mare e del cielo. Ma questo collegamento non è più indispensabile, costituisce un momento supplementare. Soddisfa la nostra curiosità, ci permette di avvertire l'origine dell'immagine e di aggiungere qualcosa a quell'impressione generata dal rapporto delle macchie e dei colori, dal ritmo delle linee. Questo elemento "supplementare" converge con l'impressione data dalle "forme pure", ma, nello stesso tempo, lascia la sensazione di un simbolo nascosto che non ha già più un rapporto diretto con i principi della natura. "Archi-alberi" è come se ci introducessero nel mondo segreto dell'anima dell'artista. Nastri e linee si distribuiscono nel senso di un cammino infinito. Un delicato intreccio di linee nere suggerisce la sensazione di instabilità dei sentimenti e la loro capacità di trasfigurarsi, mutare il loro aspetto, la loro tinta. In tutte queste associazioni non c'è ineluttabilità. Sono associazioni libere, del tutto sostituibili, posseggono un'autonomia, un'indipendenza dalla volontà dell'autore. Nell'ambito del sistema pittorico-plastico delle opere di Rosanna Forino, l'arbitrio spontaneo è sostituito dalla legge, dalla regola, dalla giustificazione interna di tutta la struttura. Le linee si estendono sulla superficie del quadro in modo prodigioso, proprio come esse devono estendersi. Il loro fluire non può essere deviato neppure di un centimetro, nonostante esse non denotino nè i contorni degli oggetti, nè alcun figura geometrica convenzionale (Grande lontana immagine). La disposizione delle sfumature di colore tenute nella scala del lilla e dell'azzurro è plasticamente giustificata (Astrale). In proporzioni esatte e rapporti scambievoli si collocano rami di un albero dell'anima che cresce verso l'alto e risplende nella misura in cui cresce.
Nelle inconfutabili forme di due rettangoli, si sovrappone un cerchio, nell'interno del quale linee-arco assumono il ruolo di unità consolidate (La Fortuna).
Si potrebbero citare ancora molti esempi. Quasi ognuno degli ultimi quadri d Rosanna Forino si struttura nella fusione organica di una libertà interiore, incarnata nei limiti di una legge plastica.
Nasce una questione: da dove proviene questa legge, quali sono le sue origini, come è stata trovata dall'artista?
Mi sembra che a questa domanda si potrebbe dare la seguente risposta.
Rosanna Forino si è fidata della natura, ha prestato fede al suo arbitrio. Quelle leggi di armonia che dominano nella sua arte, sono leggi della natura. L'artista è stata capace di afferrarle, estrarle dal mondo circostante e trasportarle nel linguaggio della sua pittura. La natura stessa sembra perciò che si metta a parlare il linguaggio della pittura e determini essa stessa i ritmi, i rapporti cromatici, le corrispondenze armoniche delle parti. Per questo ogni elemento è infallibile, non si sottomette ad abusi e non c'è scampo per l'espressione incontrollata.
Naturalmente tutte le parole dette non devono essere prese alla lettera. Rosanna Forino, immergendosi nella natura e assumendone le leggi non perde con questo la sua personalità, poichè è lei che cerca e trova e queste stesse leggi potrebbero essere applicate e interpretate da ogni artista nel modo più vario. D'altra parte la Forino non può essere messa alla pari di un medium che chiama in vita la stessa Natura e parla a nome di essa con le proprie labbra. Nonostante tutta la perfezione, I'arte di Rosanna Forino è contrassegnata da riservatezza ed è scevra di pretese infondate. Mi appare placida e lirica, benchè al contempo sia profonda e completa; proprio in questo "placido cosmico" sta il suo incanto e la sua particolare attrattiva.
Forse tutte le qualità che ho notato nell'arte di Rosanna Forino non coincidono con quelle che essa stessa riconosce nei risultati del suo lavoro creativo. Può darsi che la mia opinione si discosti da quella di chi conosce da lungo tempo, o al contrario da poco, i quadri della pittrice.
Posso ammettere volentieri una eventuale diversità di opinioni. È che l'artista di oggi invita lo spettatore non solo a con templare ma anche ad una collaborazione non calcolata da chi ha compiuto l'atto creativo.
In ogni caso sono convinto che la pittura di Rosanna Forino invita a questa collaborazione e che il pubblico moscovita ne
Dmitrij Lichacov, Mosca 1989 Fondazione Culturale Sovietica (antologica)

Lev Razgon

Back

... mi sono recato alla mostra della pittrice Italiana Rosanna Forino.
La personale della pittrice straniera allestita dalla Fondazione sovietica della cultura ha messo in risalto non solo l'alta professionalità dell'artista, ma anche un serio atteggiamento verso lo stile astrattista che fino a poco tempo fa suscitava tante proteste in URSS. Di ciò ha parlato, inaugurando la mostra, il presidente della Fondazione della eoltura sovietica, l'accademico Dmitrij Likhaciov.
... Lo spettatore rimane faccia a faccia con i quadri, e solo essi sono capaci di suscitare in lui quell'emozione irrazionale che si chiama contatto con l'arte.
... I suoi quadri, anche quelli più esotici per la combinazione dei colori, non initano ma pacificano l'anima. Questo, secondo me, è dovuto al loro senso di armonia...
Lev Razgon, Mosca 1990 TEMPI NUOVI Settimanale Politico Sovietico - nr. 15 aprile

RICCARDO BARLETTA

Back

Si tratta di un astrattismo sui generis, non geometrico, non informale; basato su echi, allusioni, metafore vivo di accensioni cromatiche, spinte ai limiti della fascinazione, laddove gli incanti e le seduzioni costituiscono barbagli dli trasfigurazioni liriche.
Riccardo Barletta, Milano aprile 1989

VITTORIA MARINETTI

Back

Per Rosanna
In un viaggio non tanto lontano nel tempo in treno nella notte verso Leningrado abbiamo atteso con Rosanna Forino il passaggio sul fiume Volga. Occhi stupiti nel buio trasparente del cielo ancora più incantato il nostro cuore.
Il paesaggio chiaro scandito dalle betulle bianche intorno alla strada ferrata ci appariva come disegnato da ricordare nitidamente. A Mosca affacciate alla grande finestra dell'albergo su una incredibile preparazione della festa con cortei 1° Maggio e all'alba infinite bandiere rosse e azzurre: l'ansia di Rosanna nel fermare le immagini in un suo album con pennarelli e matite colorate, dipingere i ricordi di quel viaggio uscendo appena la luce del mattino inondava la Piazza Rossa.
Non so se lei abbia conservato nella sua fantasia quei colori ritornando nel suo studio certo come il viaggiatore dell'Ottocento fermava poi memorie ricordi pensieri sensazioni nei suoi acquarelli per immergersi nel ricordo del viaggio.
Rosanna Forino ora è con i suoi colori forti coraggiosi festosi con il dinamismo dei segni quali ossature o tronchi di foreste nitidi e decisi quasi aste di bandiere lanciate nel vento e con i suoi immaginari punti esclamativi di inguaribile ottimista.
Vittoria Marinetti, Mosca 18/11/1989 Fondazione Culturale Sovietica (antologica)

DMITRIJ SARABIANOV

Back

Meditazioni pittoriche di Rosanna Forino
Ho davanti a me un'opera su carta di Rosanna Forino che la pittrice mi ha regalato nel gennaio 1989. Il disegno è realizzato a china e acquarello, a pennello e a penna.
Dal fondo bianco, come da uno spazio infinito, affiorano tratti liberi, rettangoli colorati, linee parallele che sembrerebbero predisposte a ricevere note musicali. Questi elementi di forme e tinte diverse, allontanati dall'occhio a distanze differenziate, talvolta intersecantesi, ora si muovono ora si arrestano, animando la pura superficie bianca su cui sono disposti.
Così Rosanna Forino contempla il mondo, riflette su di esso, più esattamente riflette su se stessa in esso. Nell'atto creativo supera la barriera fra oggetto e soggetto, fra realtà circostante e sè, e si dissolve nella sfera universale.
In un'immagine sorprendente si collegano lo spazio infinito, incommensurabile, di questo universo e "il piccolo mondo" dell'anima della pittrice, misurato con concreti parametri terrestri. Vengono in mente i "Piccoli mondi" di Vasilij Kandinskij in cui il titolo stesso rivela la medesima associazione. Nel contemplarli ci si può avvicinare con il viso alla carta, entrare in questo cosmo senza pretendere affatto che sia onnicomprensivo. Esso cresce da solo, uscendo dai limiti del foglio e ci conduce con sè nella profondità dell'anima che possiede la stessa illimitatezza dell'universo.
Rosanna Forino tende a conciliare i due poli estremi fra cui oscilla la tradizione italiana. Da una parte la matrice rinasci mentale, la più classica rispetto alle scuole europee, il cui ricordo si è mantenuto a lungo nella pittura italiana. Dall'altra il futurismo, uno dei movimenti più innovatori e sovversivi dell'arte mondiale del XX secolo.
La Forino è come se modernizzasse la tradizione classica, continuando le ricerche di armonia e bellezza, basandosi sul linguaggio artistico dell'Era contemporanea. Nello stesso tempo, mantenendo le distanze dagli estremismi, prende questo linguaggio da maestri dell'avanguardia come Vasilij Kandinskij e Frantisek Kupka, mostrando chiaramente un trasporto per le tradizioni che si sono venute a creare nel nostro secolo. La pittrice non erige una barriera intransitabile fra la pittura figurativa e la pittura astratta. Nella sua arte è già stato sperimentato il passaggio naturale dalla figurazione all'astrazione che a loro tempo hanno compiuto gli iniziatori ed i maestri della pittura non oggettiva. Questo passaggio ha contrassegnato il processo di graduale liberazione dei puri elementi essenziali della pittura - colori, linee, macchie - dal contenuto oggettivo. Ma le forme pittoriche non si sono per questo semplificate, anzi si sono complicate. Forse per questo la pittrice è tornata di frequente alla creazione figurativa arricchendola di quel che era stato scoperto nel processo di conquista della "pura forma".
I ritratti, il più delle volte femminili, eseguiti negli ultimi tempi sono l'espressione evidente di questo andare "a ritroso", che si compie per raggiungere la sintesi di vecchio e nuovo. Le libere macchie di colore creano in essi una struttura autonoma, adeguata alla persona reale. Le forme pittoriche che incorniciano i volti potrebbero da sole adempiere la funzione di un'immagine artistica compiuta. Ma l'espressività di queste forme viene accentuata dai volti, benchè in contrasto con essi: contrasto ove è pure nascosto un senso metaforico. Quando osservi i quadri di Rosanna Forino degli anni Settanta comprendi che le forme astratte delle sue pitture nascono dalla natura - alberi e fiori, terre e mari, soli e nubi -.
È un'artista della natura che trova nella vita organica la fonte dell'ispirazione e conosce l'importanza dell'intima coesione della natura. Nella sua percezione de mondo non è difficile avvertire un ripensamento dell'esperienza impressionistica fatta passare attraverso la spontaneità tensione faure. I suoi alberi crescono liberamente, le nuvole volano, i fiori fioriscono magnificamente rigogliosi. Ma la pennellata impressionista è mutata in una piccola superficie. L'una vicina alI'altra le macchie di colore non sono calcolate in modo da fondersi nell'occhio dello spettatore. Al contrario, esse creano un sistema decorativo in cui i colori puri hanno un'autonomia e, in vicinanza l'uno dell'altro, generano una musica densa di consonanze di colori. Anche Ia composizione del quadro viene strutturata. Il ritmo trascinante di linee e forme si sottomette ai motivi prevalenti. Si determinano le dominanti pittorico-plastiche attorno alle quali si organizzano gli elementi accessori. Tuttavia la tendenza a introdurre il genuino e lo spontaneo nei limiti della legge pittorica non turba l'unità naturale. L'artista non fa una differenza di principio fra essenziale e secondario. Il mondo è costituito di componenti equivalenti. Il "piccolo" è ricolmo dello stesso significato interiore del "grande". Questo modo di vedere permette all'artista di avvertire la sua partecipazione alle leggi generali dell'essere, di immergersi nella natura, di fondersi in essa, superando la posizione di chi crea sottomettendo a sè il mondo circostante. Nei momenti di fusione dell'artista nella natura nasce una meditazione lirica effettuata con i mezzi della pittura.
Ma ora lasciamo la fase precedente del percorso di Rosanna Forino e passiamo alla sua attuale opera, alla sua pittura e ai lavori su carta degli anni Ottanta. Qualcosa nella pittura e nella grafica dà modo di ricordare il periodo precedente. Dietro alla linea curva, che assume la forma dell'arco (questo motivo si incontra spesso nei lavori di Rosanna Forino) è facile intravedere il motivo del tronco ricurvo dell'albero. I cerchi e le macchie ovali suscitano il ricordo del mare e del cielo. Ma questo collegamento non è più indispensabile, costituisce un momento supplementare. Soddisfa la nostra curiosità, ci permette di avvertire l'origine dell'immagine e di aggiungere qualcosa a quell'impressione generata dal rapporto delle macchie e dei colori, dal ritmo delle linee. Questo elemento "supplementare" converge con l'impressione data dalle "forme pure", ma, nello stesso tempo, lascia la sensazione di un simbolo nascosto che non ha già più un rapporto diretto con i principi della natura. "Archi-alberi" è come se ci introducessero nel mondo segreto dell'anima dell'artista. Nastri e linee si distribuiscono nel senso di un cammino infinito. Un delicato intreccio di linee nere suggerisce la sensazione di instabilità dei sentimenti e la loro capacità di trasfigurarsi, mutare il loro aspetto, la loro tinta. In tutte queste associazioni non c'è ineluttabilità. Sono associazioni libere, del tutto sostituibili, posseggono un'autonomia, un'indipendenza dalla volontà dell'autore. Nell'ambito del sistema pittorico-plastico delle opere di Rosanna Forino, l'arbitrio spontaneo è sostituito dalla legge, dalla regola, dalla giustificazione interna di tutta la struttura. Le linee si estendono sulla superficie del quadro in modo prodigioso, proprio come esse devono estendersi. Il loro fluire non può essere deviato neppure di un centimetro, nonostante esse non denotino nè i contorni degli oggetti, nè alcun figura geometrica convenzionale (Grande lontana immagine). La disposizione delle sfumature di colore tenute nella scala del lilla e dell'azzurro è plasticamente giustificata (Astrale). In proporzioni esatte e rapporti scambievoli si collocano rami di un albero dell'anima che cresce verso l'alto e risplende nella misura in cui cresce.
Nelle inconfutabili forme di due rettangoli, si sovrappone un cerchio, nell'interno del quale linee-arco assumono il ruolo di unità consolidate (La Fortuna).
Si potrebbero citare ancora molti esempi. Quasi ognuno degli ultimi quadri d Rosanna Forino si struttura nella fusione organica di una libertà interiore, incarnata nei limiti di una legge plastica.
Nasce una questione: da dove proviene questa legge, quali sono le sue origini, come è stata trovata dall'artista?
Mi sembra che a questa domanda si potrebbe dare la seguente risposta.
Rosanna Forino si è fidata della natura, ha prestato fede al suo arbitrio. Quelle leggi di armonia che dominano nella sua arte, sono leggi della natura. L'artista è stata capace di afferrarle, estrarle dal mondo circostante e trasportarle nel linguaggio della sua pittura. La natura stessa sembra perciò che si metta a parlare il linguaggio della pittura e determini essa stessa i ritmi, i rapporti cromatici, le corrispondenze armoniche delle parti. Per questo ogni elemento è infallibile, non si sottomette ad abusi e non c'è scampo per l'espressione incontrollata.
Naturalmente tutte le parole dette non devono essere prese alla lettera. Rosanna Forino, immergendosi nella natura e assumendone le leggi non perde con questo la sua personalità, poichè è lei che cerca e trova e queste stesse leggi potrebbero essere applicate e interpretate da ogni artista nel modo più vario. D'altra parte la Forino non può essere messa alla pari di un medium che chiama in vita la stessa Natura e parla a nome di essa con le proprie labbra. Nonostante tutta la perfezione, I'arte di Rosanna Forino è contrassegnata da riservatezza ed è scevra di pretese infondate. Mi appare placida e lirica, benchè al contempo sia profonda e completa; proprio in questo "placido cosmico" sta il suo incanto e la sua particolare attrattiva.
Forse tutte le qualità che ho notato nell'arte di Rosanna Forino non coincidono con quelle che essa stessa riconosce nei risultati del suo lavoro creativo. Può darsi che la mia opinione si discosti da quella di chi conosce da lungo tempo, o al contrario da poco, i quadri della pittrice.
Posso ammettere volentieri una eventuale diversità di opinioni. È che l'artista di oggi invita lo spettatore non solo a con templare ma anche ad una collaborazione non calcolata da chi ha compiuto l'atto creativo.
In ogni caso sono convinto che la pittura di Rosanna Forino invita a questa collaborazione e che il pubblico moscovita ne approfitterà.
Dmitrij Sarabianov, Mosca 1989 Fondazione Culturale Sovietica (antologica)

SERGIO DANGELO

Back

Canto nei quadri di Rosanna Forino
In precisi intervalli
di lunghezza d'onda
passano radiazioni che gli angeli rendono magnetiche.
Così , con precisi intervalli
giungendo dagli oggetti,
altrettanti messaggi
in tagli e colate di luce innamorata
si appoggiano all'occhio,
alla sua retina.
Così nei dipinti tuoi
Rosanna
la luce addensa
in toni
mezzi toni
in aperture
che al vano della porta della mente
illuminano;
brillanti
in rosso giallo arancio verde
colori della bandiera del tuo sogno
forme forti e vivaci
dell'amore.
Sergio Dangelo, Milano autunno 1989

(...) questi dipinti, generosi in colore, grandi finestre della memoria, offrono immagini di luoghi geografici ma come e quanto trascesi!
Qui il pretesto figurativo diventa ragione per AVVIARE il quadro che si presenta, ad opera ultimata, come una vetrata policroma, come un paesaggio mentale(...) oltre ll pretesto (i rami, le prima foglie) questa pittura che non contiene cronaca ne aneddoto, carica di tensioni emotive, presenta i luoghi "suoi" ma, per tutti, universali.
Cosi come di una partitura musicale accettiamo il titolo, ma riceviamo delle cascate di note, sensazioni che facciamo nostre, così gli arancio, i blu, i gialli di Rosanna Forino divengono altrettante scale cromatiche per la nostra gioia(...)
Sergio Dangelo, 1979

Lalla Romano

Back

Ormai non mi accade più di fare scoperte di pittori; anzi, per difendermi evito le gallerie e le mostre. Vivo altrove ... Senonchè può sempre presentarsi un caso. Devo confessare che io identifico il caso addirittura con la necessità. Voglio dire che se incontro un caso, significa che l'incontro mi riguarda in qualche modo, e richiede la mia attenzione. Un caso insignificante per me non esiste.
Un'amica mi propone di visitare lo studio di Rosanna Forino. - A che scopo? - domando. - Hai visto a casa mia un quadro di lei e hai detto che ti piaceva. Non ricordo, ma se l'ho detto sarà vero: non faccio mai complimenti. Cosi ho accettato di vedere i quadri. La pittrice mi annuncia una prossima mostra, e vorrebbe, se la mia impressione è buona, che le facessi la presentazione sul catalogo.
- Non faccio queste cose da anni. Perchè ha pensato a me? - - Ho letto Una giovinezza inventata. Ora sa perche vorrei una sua pagina -.- Ma io sono fuori gioco. E come dovrebbe essere questa pagina? - - Non critica - dice lei astutamente, o forse ispirata - ma letteraria -.
Ha colpito nel segno, ma sono ancora perplessa. Perchè questo incontro diventi letteratura ci vorrebbe molto tempo, distanza. Per ora posso dire soltanto questo, della pittrice: che provo simpatia per la sua sicurezza tranquilla, immune da vanità. Non avventurosamente, ma coraggiosamente crea armonia. Linee curve, ellittiche, dentro le quali sono campiti colori, caldi o freddi, puri e intensi, ma modulati, corposi, "dipinti".
Pittura astratta? "La pittura è sempre astratta", diceva il mio antico maestro Casorati; e lo stesso diceva Morandi.
Lalla Romano, Milano Gennaio 1986 Galleria Vismara Arte

MARCELLO VENTUROLI

Back

"Nello spazio colorato"
La vocazione di Rosanna Forino, di poetica colorista, innamorata della natura, di vena quasi istintivamente antinaturalistica, è stata avvertita da quanti si sono con fervore occupati di lei: da chi scrive a Carlo Munari, da Gianni Vianello a Lella Tucci... E, anche sotto il profilo più squisitamente stilistico, i suoi critici hanno messo in luce quel fare per tessere cromatiche, riconoscibili nell'economia della visione quasi come un musaico (l'eredità che, dal post impressionismo,-divisionista e fauve-arriva fino alle formulazioni “ morbide “ del cubismo, o di quanti hanno svolto dopo Braque e Picasso l'equazione dello spazio-tempo).
Ciò che ancora non è stato detto esaurientemente è il modo in cui questa architettura di notazioni sensibili si sia mossa e articolata nei lavori degli ultimi tre anni di Rosanna Forino, lavori che hanno perduto, a tutto vantaggio della fantasia e della carica dell'immagine, il prevedibile della maniera, quel radificare la figura in tanti segmenti di colore per poi chiuderla talvolta in una specie di veste a toppe, imprigionarla. Naturalmente il processo di rarefazione e di diversificazione del suo andante musivo è cominciato da tempo e già nel 1979 si avvertiva nel bel ritmo compositivo tutto sui rossi e aranci (“ Palude”) la tendenza ad aprire quel suo bosco di natura.
In sostanza, se fino a tre anni fa la media delle opere di Rosanna Forino poteva essere festeggiata per la sua buona o ottima fattura, con punte di qualità e di poesia verso l'eccellenza, oggi è dal metodo, dalla consapevolezza stilistica, (una maggiore libertà e fiducia nei modi aperti della cromia, per accumulo di notazioni), che l'artista raccoglie i suoi più felici risultati: mentre quadro per quadro è sempre riconoscibile, ciascuna visione di primavera, di botanica, di entomologia, di fauna umana (ma vedremo poi come l'artista tratti la figura nel contesto paesistico) si presenta differente: ora in una chiave onirica, ora favolistica, ora dentro una sintesi che privilegia quasi l'aspetto mentale dell'immagine.
Inoltre gli echi della avanguardia storica si precisano, perchè la equazione di cui parlavo dà proporzioni più ricche e vaste, gli elementi vitali che compongono la deflagrazione del quadro fan sì che questo sia più avanguardisticamente diverso dall'altro precedente. Così per esempio il bellissimo dipinto dal titolo “ Spazio visitato “ (1979) con una vitale armonia negli azzurro grigi, assume cadenze “ astratto concrete “ nell'accezione venturiana, il vortice è reso nella sua architettura dentro una luce solare, la natura ricrea il suo habitat terrestre, entra in quello spaziale, restando tutta sensibile.
Come accade per esempio in Klee, che ogni sua invenzione di stile altro non è che un movimento dell'anima e tutta l'arte non appare marchingegno sperimentale, ma diario di emozioni, Rosanna Forino nel suo piccolo ci dice come sente “ Germinazione “ (1980), con rami kandiskiani e prati di Villon, episodi araldici levitanti, del primo Mirò. Perchè-e qui è bene dirlo subito-se l'artista è felice nel colore, non ignora il segno, che è in lei preciso e puro e sovente vertebra della macchia, in quei suoi toni timbrici intrecciati al filo nero capillare. Ouesta “ Germinazione “ è un omaggio alla fantasia della natura, alla gioia di esser nati con lo scudo dell'immaginazione, a quell'andare di Rosanna, come una bambina, di verde in verde.
Dicevo della figura, e del suo innesto nello spazio colorato delle stagioni. Non mi riferisco a quella operazione di recupero di personaggi, più o meno riconoscibili nell'economia di una scena all'aperto, un plein air mentito da una più rada e misteriosa tessitura di pennellate; ma a un tipo di figura che nasce dentro e passo passo con la visione naturale, come se l'artista avesse colto senza quasi volerlo una coppia nuda dentro un caleidoscopio, e questo fosse, anzichè uno strumento di meravigliose casualità, uno specchio pensante. Mi riferisco a “ Composizione rosa” (1980), un quadro che si sviluppa orizzontalmente dove si possono intuire due figure, ma non più nella operazione di travestimento di cui ho parlato al principio, ma come elementi ASTRATTl, ALLA PARI DEGLI ALTRI di ambiente. S'apre come un doppio petalo di carne questa “ natura umana “, equilibrata in un contrappunto rosa-grigio, ritornante tavolozza.
La visione è talvolta portata da un interno movimento, come la descrizione di un fenomeno: è l'azione delle cose all'ordine del giorno, non la pura contemplazione di uno spazio naturale. Infatti in “ Scontro di situazioni “ (1980) ed “ Esplosione “ (1983) si assiste a una realtà in metamorfosi. Situazioni che possono essere cromatiche e segniche e che sono comunque rese al comun denominatore del ritmo, segni ampi, semicerchi, come grandi ali di libellule, che si susseguono in una specie di reiterazione di gesti o di voci per un'eco della natura. Oppure, come in “ Esplosione “ dentro un'aria di zolfo tra sassi-pietre preziose erompenti, mallo di luce su cui danza coi suoi rubini la terra. Eppure la radice pittorica dell'artista è nel mondo più classico della ricognizione sensibile, il plein air, brillantemente rinnovato in una serie di opere che fanno della pittrice di Cernobbio una figura riconoscibile tra le operatrici astratte nella pittura di cavalletto. Comincerò questa mia analisi da i “ fiori “, che sono poi tante altre cose insieme e che tradiscono certamente, nei titoli enumeranti, altri contenuti e pretesti. l “ Fiori N. 5 “ (1982), lavoro piccolo ma intenso, specchia un verde da cui nascono segni rosa, quasi a zampillo, verdi smeraldo, giada, Secessione. E “ Fiori N. 3” (1982) dalla fortissima e densa cromia: qui l'olio è più ricco di impasti, più serrato sulla tela, ma il tessuto cromatico resta disteso con bella astrazione “ giapponese “, avrebbero detto gli impressionisti. Non mancherò di ricordare la felice levitazione che sorride come una pelle in “ Fiori N. 8” (1982): i bianchi d'argento splendono innevati, la botanica casacca è traversata da vene e linfe, al punto da diventare un essere trepido d'amore, un personaggio di angelica arborescenza.
In questo tipo di pittura più ricca di smalto e stesa in gamme splendenti, serrate, come anche in “ Fiori N. 6 “ e “ Fiori N. 7 “ (1982) è la pienezza morale della visione di ieri, quel non voler rinunciare alla compiutezza, alla perentorietà della fantasia sostenuta dal reale, senza però la costipazione, l'incastro prevedibile delle forme, il ripetersi “ decorativo “ di una maniera post cubista. Nei fiori di oggi l'artista mantiene l'impegno di dare un volto all'immaginazione senza che per questo perda il suo slancio.
Sono nella mostra opere anche di un certo impegno per quanto concerne la dimensione, la quale, si sa, non è mai, negli artisti di talento, una aritmetica misura maggiore, ma il modo di farsi sinfonico della intuizione “ cameristica “, è il modo di mescolare tutte le istanze in una superiore unità di ribalta: come mi pare di poter festeggiare in K Le farfalle blu “ (1981), dove è una forza e una felicità nel ritmo con cui le forme si incastonano nello spazio verde. In quella specie di “ scudo “, tutto vortica e tutto appare come un prodigio (ho detto altrove “ fenomeno “) naturale. L'idea di fare protagoniste le farfalle ad ali chiuse, di un colore incredibile, tessere di un altro musaico, particolari di un tutto germinante e fiorito, è degna di vero pittore. Le sta ben vicino il “ Fiore N. 2 “ (1982), spartito come un quadrifoglio e mosso come una doppia farfalla, foglia e ala: tra pistilli, elitre, antenne, la fantasia non è mai letteraria.
I quadri più riusciti e personali della attuale fase artistica di Rosanna Forino (la prima, mi par proprio, finale, del suo immaginare fantastico, confortato dalla lezione delle avanguardie storiche), sono “ Uccello di fuoco “ e “ L'occhio del ciclone “ il primo, dipinto nel 1981 e il secondo nel 1980. In “ Uccello di fuoco “, tra i dipinti solidi, ricchi di materia, affidati assai più alla ricchezza degli smalti che alla morbida e tonale effusione dei solventi, è una fiammata rosso arancio di squisita forza musicale, i segni di pittura come onde di un magma vengono accompagnati da fettucce-note di un azzurro di paradiso, che crepita e scocca già nelle braci di base, fettucce di anime, avrebbe potuto dire Licini, opera questa di grande consapevolezza avanguardistica. Ma anche “ L'occhio del ciclone “ è pittura memorabile: in questo oblò o sguardo sul creato ogni conflitto di elementi, ogni mulinello, riposa, è una ideale finestra dell'anima dove il contemplare è giudizio finale.
Professionalità e vitalità di officina di Rosanna Forino possono trovare la loro verifica nell'opera grafica e nei numerosi felici acquerelli, gauaches, scelti vicino ai quadri ad olio, per la mostra: non soltanto il visitatore potrà rendersi conto della coerenza e della tenacia, per dir così delle immagini dell'artista, fin dal primo nascere e presentarsi alla necessità figurale, ma della freschezza della sua ispirazione sia nei motivi che saranno poi sviluppati nei quadri, sia negli assaggi irripetuti, di calibrata fattura, fra macchia raggiante il colore e segno che lo riammaglia.
Marcello Vemturoli, Milano febbraio 1983 Galleria Schettini

GIANNI VIANELLO

Back

Il suo esprimersi e comunicare con il segno e con il colore ci giunge come linguaggio attuale: cioè una pittura che appartiene al nostro tempo.
Le composizioni di Rosanna Forino rivelano la limpidezza dell'idea e l'essenzialità coerente dell'esito formale, alle quali fanno preciso riscontro la solidità e l'accuratezza di esecuzione. (...) progressivamente la sua pittura è andata via via spogliandosi di tanti incidenti formali per rivestirsi di puro colore e di puro segno, (...) scrisse Kandinskij nel Der Blane Reiter "Quando nel quadro una linea viene liberata dall'obbligo di servire a un fine, e cioè di indicare una cosa, e funge essa stessa da cosa, la sua risonanza interiore non viene più indebolita da alcuna funzione accessoria e conserva, tutta intera, la sua forza(...)
Gianni Vianello, Milano Gennaio 1980

L'avventura dell'astratto, considerata non come esito diretto di operazioni mentali ma soltanto come bisogno per ovviare e superare i limiti di pura rappresentazione del mondo esterno, continua ad esercitare una costante tentazione nell'artista, specie in quello che pare più intimamente legato alle formule convenzionali del figurativo. Le ragioni di questa suggestiva ed eccitante " concessione„ all'astratto scaturiscono e si dipartono da determinazioni della ricerca di sintesi formale ed espressiva, secondo esigenze, maturate in una scelta di tempi e di interessi di imprevedibile scadenza e di non facile identificazione, che sopravanzano decisamente ogni altra presunta o reale componente stilistica o culturale. "
E' il caso di Rosanna Forino, che nella sua produzione più recente lascia intravedere sensibilità e disponibilità per tentare siffatta "avventura". Diciamo subito che questa tendenza nella sua pittura è soltanto accennata da poche tracce e da brevi spunti, che noi vogliamo tuttavia cogliere subito, a ragione o a torto, per analizzare e scoprire le reali possibilità di sviluppo di questa pittura cos' ancora felicemente figurativa.
Varie sono le vie per giungere all'astratto e molteplici i tramiti o le interferenze che vi si coinvolgono. Per lo più, sul piano della pura esplicazione pittorica, il passaggio dal figurativo alla composizione stilisticamente aderente alla poetica dell'astrattismo si compie e si realizza sia attraverso una pittura progressivamente affidata agli effetti dell'indeterminato e dell'incompiuto, cioè dell'abbozzo, in cui segno e colore non sono stati volutamente sfruttati per definire e sostanziare accadimenti formali dell'immagine, ma considerati ed assunti come valori poetici ed espressivi di per se stessi; sia attraverso un particolare gusto per l'effetto decorativo, che porta alla inderogabile disintegrazione della forma per ricercare una sua altra unità appunto nell'astratto svolgersi di motivi decorativi.
Rosanna Forino tende a realizzare una sua pittura astratta ricorrendo alle possibilità offerte da tutti e due i procedimenti, mostrando tuttavia di saper intelligentemente e con buona intuizione eludere le caratteristiche di compromesso riscontrabili sia nell'un sia nell'altro caso.
Nella pittura della Forino sembra non vi siano manifestazioni di appagamento nè di esiti sicuri nell'aggiornare la tradizione del figurativo con aperture verso l'astrattismo valendosi di operazioni pittoriche quali l'abbozzo e l'incompiuto: ciò sopra tutto emerge per quel senso e quella misura con cui la pittrice attende ancora alla costruzione di compromesso trasferendo il valore e l'importanza di taluni elementi della composizione in alcuni altri prima ritenuti secondari. Basti guardare con quale sapienza ed ostinazione struttura e dispone i fondi, ai quali vengono subordinati in perfetta orchestrazione tutti gli altri elementi del quadro.
Il secondo caso, cioè l'apertura verso l'astratto gioco di motivi puramente decorativi, sembra quasi non esistere, perlomeno come ricorso intenzionale, sia perchè manca un simile gusto sia anche perchè quando la Forino trasforma e riduce le sue fitte sfilate di alberi dall'esile e flessuoso tronco in cadenzate linee diagonali, staccando rami e foglie divenuti ormai segni di colore sparsi nelle tinte del cielo e quasi assorbiti dal gioco cangiante delle trasparenze eppur individuabili nella loro autonomia di punteggiatura cromatica, la pittrice non gioca all'effetto di belle partiture decorative di astratta suggestione, ma ancora costruisce e modella, con un fare per niente estraneo a fatti riduttivi e di semplificazione in qualche modo partecipi di una visione nuova, slegata se non del tutto ancora indipendente dalla rappresentazione degli avvenimenti esterni.
La pittura di Rosanna Forino è come se nascesse già, prima di esplicarsi secondo la formula stilistica da lei ricercata, da un casuale incontro di elementi esterni selezionati secondo un'intima rispondenza con altri elementi più direttamente implicati alla visione interiore. Viene a configurarsi così un'immagine in parte reale e consueta, in parte nuova e di fantasia: cioè la realtà di sempre rivelata con significati nuovi, aggiunti o suggeriti dalla fantasia e anche dal sentimento. Ma non sono soltanto gli apporti o le interferenze della fantasia o dell'emozione e del sentimento a trasformare la realtà. Vi partecipa senz'altro, e non in ruolo secondario, un'esigenza di rinnovamento della visione e i cui caratteri si identificano, più o meno precisati, nelle indicazioni offerte dalla medesima linea di ricerca.
Gianni Vianello, Busto Arsizio (Va) Gennaio 1976 Galleria il Calligramma

Lella Tucci

Back

(...) nel dialogo con le opere e le natura le figura appare raramente.
Con il carattere di una rivelazione confessata della memoria celete nell'intimo della pittura stessa.
ln singolare simbiosi col più puro cromatismo(...)
Lella Tucci, 1979

SALVATORE MAUGERI

Back

Monografia 1977
E' abbastanza diffusa, da qualche tempo, la tendenza che incoraggia la così detta ripresa naturalistica. Essa tuttavia nasconde vecchi e nuovi pericoli: l'equivoco della preminenza del dato oggettivo su quello fantastico e inventivo; l'assunzione nel dipinto della stessa gamma coloristica colta dalla retina visiva sull'esistente naturale; la “ spontaneità “ nel riportare immediatamente sulla tela l'ordine e la trama delle strutture che l'occhio coglie in ciò su cui punta la sua osservazione; l'abbandono al flusso precario dell'emozione, che non conosce alcuna mediazione razionale capace di sottrarla al breve cerchio della più angusta soggettività.
Rosanna Forino ha avvertito questi e altri tabù e ha operato le sue scelte senza mai dimenticare di commisurarle alle proprie doti native e agli stimoli e agli apporti della cultura. Credo che la pittrice abbia meditato sul detto di Braque “ La regola corregge l'emozione “ proprio per sfuggire ad alcuni degli equivoci sopra ricordati. La sua ricerca linguistica cioè, in questi ultimi anni di attività pittorica, ha avuto come obiettivo il proposito di attuare un preciso controllo razionale inteso a districare il moto confuso della sensazione per sottrarlo alla casualità e per stimolare in lei la resa del rapporto tra oggetto e oggetto che non fosse più solamente fisico ma risultasse assunto nel proprio linguaggio coloristico.
Andava così facendosi in lei sempre più chiaro il ricordo della lezione cèzanniana, di quella “ fauve “ e soprattutto espressionistica, rapportata magari alle esperienze lombarde tra neocubiste e neo-espressionistiche assai vive nel decennio 1948-58 e non soltanto in Lombardia.
Ma questo itinerario dalla Forino è stato considerato come una base di avvio tale da consentirle di tentare soluzioni sempre più libere, nelle quali l'impegno maggiore doveva consistere nel conferire unità strutturale alla varietà delle componenti dell'immagine, sottratta al peso della sua fisicità e collocata in uno spazio inventato.
Ha così origine la sua attuale espressione linguistica che può definirsi una sorta di astrattismo naturalistico, nel senso che all'origine di ogni operazione pittorica della Forino è individuabile il suo impatto con un ambiente naturale e umano, che può trovare, nella mutevolezza iconografica e nella diversa azione emozionale, la via delle cadenze liriche o quelle più risentite dei contrasti emotivi. Perchè la Forino è legata al colloquio con la “ . . . bella d'erbe famiglia e d'animali “ e anche questo fatto, oltre naturalmente alle esigenze assai vive della mediazione razionale, impone una modulata riduzione della tavolozza.
Mi preme sottolineare l'importanza di quest'ultimo aggettivo in quanto la Forino procede per strutture cromatiche. La sua interpretazione del paesaggio (o, per meglio dire, il pretesto emotivo che le viene dalla osservazione della natura per dare alimento alla sua visione) trova sulla tela una costruzione emotivo-mentale per toni registrati a larghe macchie e meglio dentro un'intelaiatura di zone di colore evocanti piani e volumi articolati e mossi da soluzioni dinamiche. Tali zone sono determinate e sorrette da una precisa successione di accordi tonali, giustapposti in modo da determinare quel procedere per strutture cromatiche, cui ho accennato sopra, a mò di larghe tessere musive, nelle quali il ritmo è scandito dalla sequela delle cesure contrassegnate dai rapporti del colore.
E' da aggiungere che in questo procedere come per intarsi ritmati della pennellata sono impliciti l'azione trasfigurante del dato immaginativo-fantastico e la contenuta tensione emotiva; sì che non è infrequente il caso in cui si può parlare di evocazioni immaginarie, pervase di calore emozionale, di un ambiente naturale.
Salvatore Maugeri, Monografia 1977

Dino Villani

Back

Il risultato delle sue più recenti ricerche arriva a scandire le componenti, specialmente cromatiche, degli oggetti e dei paesaggi che ci vengono così offerti trasfigurati da una osservatrice che tende ad esaltare i valori.
Vediamo allora una natura che squilla staccando qualche volta le note, ma più spesso sovrapponendole in modo da sentirle distinte ma sulla via di fondersl con le altre che sono sotto o di fianco (...)
Dino Villani, 1977

Carlo Munari

Back

Per lunghi anni appartata rispeito al cosidetto circuito ufficiale delle arti m!a non per questo meno attenta osservatrice d'ogni accadimento, e sempre impegnata, comunque, nel chiuso del proprio studio, in una meditata ricerca, Rosanna Forino esibisce adesso un repertorio di dipinti: I'affettuosa insistenza di quanti hanno avuto modo di seguirne il lavoro ha dunque avuto ragione del suo temperamento schivo, del suo innato pudore.
Direi che è stata decisione saggia in quanto mediante questa mostra è dato di fare un puntuale bilancio delI'ultimo biennio di attività, biennio che si rivela, poi, ai fini della sua vicenda, come decisivo. E' infatti in quest'arco di tempo che le esperienze evolvono con rapidità sino a definire i postulati fondamentali di quel linguaggio che siglerà - è agevole ipotizzarlo - la pittura in avvenire.
E' evidente che Rosanna Forino ha avvertito la limitatezza della ripresa naturalistica - ed anche il rischio ch'essa comportava di un compiacimento tanto edonistico quanto epidermico - ed ha tosto reogito orientandosi verso una diversa soluzione stilistica, la quale prevedeva una organizzazione strutturale delle componenti dell'immagine in uno spazio indeterminato. Si tratta del primo passo in avanti verso una rinnovata concezione della stessa pittura, il quale doveva tuttavia imporre all'artista una piuralità di altri problemi, non ultimo quello di privilegiare il colore quale veicolo primario dell'emozione poetica.
Gradualmente, trascorrendo attraverso il cicio dei "boschi", Rosanna Forino ha portato a compimento la propria ricerca, incentrandola soprattutto sulla campitura cromatica colta in un'accezione tettonica. In tal modo ella ha potuto costruire il dipinto sottraendolo al precario e al provvisorio che sono tipici dell'en plein air e consegnandogli una durata; ma in pari tempo ella ha potuto altresl esaltare le sue doti native di colorista col ricorso a gamme squillanti e tese, giustapposte nello spazio secondo il metro di una dettatura interiore, promossa dalI'emozione e cadenzata dall'intelletto.
Questo, in breve, il percorso compiuto da Rosanna Forino: uno sviluppo evolutivo che certo ne attesta la lucidità ma pone anche in risalto quelle che, a mio parere, sono le qualità umane dell'artista, massimamente la sua esigenza di penetrare la natura sino a farla vibrare di una voce poetica svariante fra l'elegia crepuscolare e l'incantamento panico.
Poichè, a ben badare, da questi recenti dipinti la parola umana emerge sempre in nitidezza - ed è una parola d'amore - che all'osservatore perviene con tono consoIatorio e lieve, quasi a rammemorare che nel rapporto armonioso con la natura risiede la salvazione dell'uomo. Perciò l'artista con la natura si misura e si confronta: da siffatto atteggiamento ormai consolidato dipenderanno le sue prove ulteriori.
Carlo Munari, Milano 1975 Galleria Baguttino

Gino Traversi

Back

ROSANNA FORINO
Forino ama la concretezza e ha sempre rivolto la sua amorevole attenzione verso i fatti della natura, la figura in primo luogo, senza porsi soverchi problemi che non fossero quelli di zone quotidianamente esperite e recepite come stimolo all'indagine conoscitiva. Il disegno di cui possiede larga padronanza, costituisce ancora oggi il mezzo espressivo più immediato e la componente base della sua costruzione.
La Forino va affermandosi anche come buona ritrattista e in questo genere non facile il suo maggiore impegno è volto a cogliere il carattere più che l'aspetto esterno del soggetto.
Gino Traversi, Bergamo 1974 Galleria Modì